Truffe agli anziani. In centro città l’ultimo incontro del progetto di prevenzione “Te me piaci poco”

0

E’ partita ad ottobre 2021 e si è conclusa oggi la campagna di prevenzione e comunicazione “Te me piaci poco” posta in essere dal Comune di Arezzo per il contrasto delle truffe agli anziani. Sono stati “battuti a tappeto” quartieri e frazioni della città, con una programmazione di incontri che ha fatto seguito al protocollo d’intesa tra Comune e Prefettura, sottoscritto a novembre 2020, con alla base un progetto riconosciuto valido e coerente rispetto ai criteri stabiliti dal Dipartimento delle Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno ai fini dell’assegnazione dei contributi ad esso destinati e riservati a 50 Comuni capoluogo di provincia con popolazione anziana più numerosa.

La campagna di comunicazione e informazione ha quindi portato l’unità mobile antidegrado della Polizia Municipale, personale della Polizia di prossimità e personale dell’Ufficio Comunicazione del Comune di Arezzo nelle diverse zone della città e delle frazioni per incontrare i residenti e in particolare informare gli anziani, anche con il supporto di materiali dedicati, sulle varie modalità con le quali vengono attuati raggiri e truffe nei loro confronti, e dare loro indicazioni sulle accortezze da usare, in casa e fuori casa, per prevenire ogni attentato alla loro sicurezza personale, su come comportarsi nei casi di disagio o di difficoltà e comunque in ogni situazione di pericolo. Insieme al personale della PM e del Comune, hanno partecipato al progetto anche operatori di animazione dell’Asp Fossombroni, i quali hanno presidiato il numero verde dedicato. E sono stati tanti i cittadini che si sono rivolti agli operatori per richiedere informazioni e consigli.

L’ultimo appuntamento, questa mattina in piazza San Jacopo, presenti il prefetto Maddalena De Luca, il sindaco Alessandro Ghinelli, il comandante della Pm Aldo Poponcini, la presidente dell’Asp Fossombroni Debora Testi. Con loro anche il vicesindaco Lucia Tanti e l’assessore Monica Manneschi.