Piano operativo di Arezzo, ordini professionali preoccupati: “Stallo che dura da mesi”

0

I presidenti degli ordini degli architetti PPC, degli ingegneri, del collegio dei geometri e geometri laureati della provincia di Arezzo, manifestano la loro preoccupazione per il ritardo della conclusione dell’iter burocratico del Piano Operativo della città di Arezzo.

“In rappresentanza dei professionisti iscritti ai nostri Ordini e Collegio – si legge in una nota stampa – manifestiamo la nostra preoccupazione in merito alla perdurante situazione di stallo, nella quale versa, alla data attuale, la procedura di definitiva operatività del nuovo Piano Operativo che è stato approvato in data 30 settembre 2021, ormai sei mesi fa. Tutti noi attendiamo con urgenza la conclusione di tale fase amministrativa, senza la quale ogni attività edilizia è di fatto fortemente rallentata se non sospesa. Pertanto, consapevoli delle difficoltà che dovremo affrontare nell’attuazione del nuovo strumento, riteniamo indifferibile la chiusura di questa lunghissima vicenda legata alla redazione di uno strumento che, prima ancora di essere pienamente operativo, evidenzia limiti che, con tutta probabilità, renderanno necessaria anzitempo una variante. Il silenzio del Comune e degli uffici preposti, alimenta le incertezze non solo dei professionisti, ma anche dei cittadini, in un periodo difficilissimo, del quale sinceramente non vediamo né la fine, né i segni dell’annunciata “ripresa”, di cui tanto si parla”.