Prima Pagina | Economia e lavoro | "INNOVAZIONE & INTEGRAZIONE": MICROCREDITO E RUOLO DEL VOLONTARIATO

"INNOVAZIONE & INTEGRAZIONE": MICROCREDITO E RUOLO DEL VOLONTARIATO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
"INNOVAZIONE & INTEGRAZIONE": MICROCREDITO E RUOLO DEL VOLONTARIATO

Nuovi modelli di economia, come risposta al cambiamento sociale, è questo il tema al centro dell’incontro in programma domani nello spazio organizzato dalla Provincia di Arezzo, presso il Forum Risk Management in Sanità

 

 

Una finestra aperta sull’innovazione socio-culturale. Ecco, in estrema sintesi, l’obiettivo dell’edizione 2011 di Innovazione & Integrazione che si sta svolgendo in questi giorni ad Arezzo, presso Arezzo Fiere e Congressi, all’interno del Forum Risk Management in Sanità. Un laboratorio di idee e soluzioni sui temi del volontariato e della domiciliarità, uno spazio di confronto e di studio sulle nuove politiche di welfare. "Quest’anno, lo spazio organizzato dalla Provincia all’interno del Forum Risk, - ha detto la vice Presidente della Provincia Mirella Ricci -, mira all’Innovazione intesa come ‘innovazione di pensiero’ che deve condurre ad un rinnovamento progettuale e, quindi, ad una integrazione possibile".

Innovazione & Integrazione si compone sia di un’area espositiva, riservata alle associazioni che operano nel territorio, che di uno spazio parallelo dedicato ai convegni e ai workshop in cui vengono affrontate varie tematiche. Domani, giovedì 24 novembre, al centro del workshop coordinato dall’assessore della Regione Toscana al welfare, Salvatore Allocca, in programma alle ore 9.00, ci sarà un tema cruciale dei nostri tempi "I nuovi modelli di economia: microcredito e ruolo del volontariato". Il formarsi, cioè, di nuovi modelli di economia come risposta al cambiamento sociale. Se da una parte il sistema capitalistico è costretto a confrontarsi con i propri limiti, dall’altra è proprio in virtù di questi limiti che si sviluppano nuove idee. Interverrà una figura di primo piano nel panorama nazionale, la prof.ssa Luisa Brunori dell'Università di Bologna, direttrice dell'Osservatorio internazionale per la microfinanza e Vicepresidente della Fondazione Grameen Italia, che si ispira in modo particolare alla prima banca di microcredito, la "Grameen Bank", fondata in Bangladesh nel 1976 da Muhammad Yunus, premio Nobel per la pace nel 2006. A Roberta Moretti e Roberto Poledrini, invece, il compito di raccontare il progetto di microcredito della Provincia di Arezzo: in tre anni di attività (dal settembre 2008 all’agosto 2011), gli Operatori del Microcredito della Provincia di Arezzo (volontari ex-bancari dell’Ass. "La Famiglia" che dedicano il loro tempo e competenza al microcredito), hanno esaminato 250 pratiche per un volume di 985.750,00 euro. Di queste ne sono state approvate ed erogate 138 per euro 503.650,00.

"La figura professionale dell’assistente sociale fra innovazione e domiciliarità", sarà al centro del workshop che si terrà nel pomeriggio, ore 14.30.

 

Visitatori speciali di Innovazione & Integrazione sono gli studenti: 15 classi degli Istituti Superiori di Arezzo e provincia (Istituto Margheritone di Arezzo, Istituto Severini di Cortona, Istituto Fermi di Bibbiena, Liceo Scientifico di Arezzo, Istituto Piero della Francesca di Arezzo, Istituto Ferraris di San Giovanni Valdarno, Istituto "M. Buonarroti" di Arezzo e Istituto Magistrale Statale "Giovanni da San Giovanni"), partecipano ai laboratori organizzati, ogni mattina, dalle oltre 40 associazioni di volontariato presenti. La Croce Rossa, ad esempio, presenta ai ragazzi le attività di SMTS, ovvero soccorsi, mezzi e tecniche speciali come quelle che richiedono competenze di alpinismo; o La Tribu' dei Nasi Rossi, i Clown Dottori di Arezzo, con il loro camice non proprio bianco, i cappelli strani, colori ovunque e sempre, di rigore, un naso rosso!; oppure l’associazione dei Vigili del Fuoco che spiega come deve essere effettuata una chiamata di soccorso. E, domani mattina, alle ore 11.00, sempre i Vigili del fuoco simuleranno, agli studenti presenti, le operazioni per liberare e mettere in sicurezza un individuo incastrato tra le lamiere di un’auto dopo un incidente stradale. E questo, solo per citare alcune delle attività che si svolgeranno nello spazio di Innovazione & Integrazione fino a venerdì 25 novembre, perché il percorso educativo "Volontariando: trovo spazio" si compone anche di una mostra fotografica, di una visita ai mezzi e alle divise storiche delle varie associazioni, visita guidata anche ai mezzi della protezione civile, dell’ambulanza per animali dell’Enpa, quelli dei Vigili del fuoco e della Croce Rossa, oltre alla visione di video-reportage che illustrano il volontariato di "ieri" e quello di "oggi". Tutte occasioni che, in modo attivo, coinvolgono gli studenti che scoprono nuove occasioni di socializzazione, imparano la ‘cultura della solidarietà’, del rispetto per gli altri, della cittadinanza attiva.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0