Prima Pagina | Eventi e spettacoli | PRESENTATA LA STAGIONE DEL TEATRO COMUNALE DI CASTIGLION FIORENTINO

PRESENTATA LA STAGIONE DEL TEATRO COMUNALE DI CASTIGLION FIORENTINO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
PRESENTATA LA STAGIONE DEL TEATRO COMUNALE DI CASTIGLION FIORENTINO

Pur tra mille difficoltà e con un appello ai cittadini, il teatro riaprirà il 2 dicembre: 6 spettacoli di danza, 6 concerti e 6 spettacoli di prosa. Anche Jovanotti protagonista della conferenza stampa di questa mattina


Il Teatro comunale di Castiglion Fiorentino riaprirà il 2 dicembre in totale autogestione finanziaria per consentire la realizzazione delle attività già programmate in collaborazione con la Regione Toscana e la Provincia di Arezzo, e con forme originali di sostegno e partenariato. "Siamo stati con il fiato sospeso per le sorti del teatro di Castiglion Fiorentino – ha detto l’assessore alla cultura della Provincia di Arezzo, Rita Mezzetti Panozzi -, ma oggi siamo finalmente ad annunciare la prossima apertura di quel luogo che, per antonomasia, è il luogo della cultura, il centro di riferimento di attività e di una comunità. Un ringraziamento va quindi a tutti coloro che hanno contribuito a riaprire il teatro e ad evitare che Castiglion Fiorentino dovesse subire anche una dapauperizzazione culturale". Anche Lorenzo Cherubini (Jovanotti), ha voluto essere presente alla conferenza stampa, con una lettera indirizzata agli organizzatori della Stagione:

"…vi ammiro perché praticate la poesia e lo fate spesso nella ristrettezza economica più estrema: più vi tagliano i fondi e più voi continuate a danzare, ed è questo che vi frega, ma che vi salva anche. Anzi direi che la vostra "danza ostinata" è una profezia in carne e ossa, gridata in faccia a chi crede davvero che frenando la cultura e la libera espressione dell’arte si faccia un favore al paese…dobbiamo trovare il modo di sostenere i nostri teatri se vogliamo ancora dichiararci ‘discendenti’ di quella storia che ha fatto di questa parte di mondo il centro dell’espressione artistica e quindi umana dell’intero pianeta. Un abbraccio danzante a tutti". Lorenzo 

Sarà proprio la Stagione di Danza a riaprire il teatro, con la direzione artistica di Giorgio Rossi e Raffaella Giordano (Sosta Palmizi); mentre la stagione concertistica avrà la direzione artistica del M° Luigi Tanganelli e la stagione teatrale; che inizierà a gennaio, quella di Alberto Spurio Pompili. La prima data sarà il 13 con David Riondino, Gabriele Mirabassi, Giorgio Rossi in ‘Animalie’; altre date già in programma sono il 18 febbraio con Otello (produzione Teatro Popolare d'Arte), con Nicola Rignanese, Rosanna Gentili, Gialuigi Tosto, Gila Manetti; il 17 marzo Il vecchio e il mare (produzione la Luna nel letto), spettacolo vincitore del premio Eolo Awards 2010 - regia di Michelangelo Campanale, con Robert Mc Neer e gli attori della compagnia.

In tutto saranno 16 spettacoli: 6 di danza contemporanea e teatro danza: "eseguiti tutti da artisti italiani – ha detto Giorgio Rossi -, spettacoli in cui l’arte del movimento si unisce all’arte classica per un teatro del corpo. Saranno 'Sagra' (progetto Brockenhause) e 'Leoni' con Matteo Fantoni, i primi due spettacoli in programma". 6 anche i concerti: "al concorso pianistico già ospitato dal teatro anche in passato – ha affermato il M° Luigi Tanganelli -, abbiamo aggiunto l’organizzazione di 6 concerti, grazie anche alla collaborazione con l’orchestra Coradini di Arezzo, il cui fiore all’occhiello, sarà l’opera barocca "Didone ed Enea" di E. Purcell realizzata con il coro, i solisti e l’orchestra Coradini, diretti da Vladimiro Vagnetti". Un’altra delle novità annunciate riguarda il biglietto che sarà di 10 euro posto unico e 8 ridotto; solo per eventi particolari ci sarà un biglietto di 15 euro, ma sempre come posto unico. "Oggi sono molto contenta – ha concluso il Commissario del Comune di Castiglion Fiorentino, Rosalba Guarino - di fronte all’eventualità di una chiusura del teatro ero molto dispiaciuta, ma i castiglionesi, in modo sorprendente, hanno saputo reagire e proporsi con iniziative a costo zero. Ringrazio Alberto Spurio Pompili che è riuscito a riaprire il teatro e le altre associazioni che contribuiranno con varie proposte". L’assessore Mezzetti Panozzi, ha poi concluso ricordando che "ad Arezzo abbiamo il primo liceo coreutico della Toscana, Sosta Palmizi è una delle eccellenze del nostro territorio, sinergie, queste, che possono unirsi perché è fondamentale combinare scuola e mondo culturale".

Per informazioni: 3381945898/0575354233 - Alberto Spurio Pompili -Associazione Il Teatro Possibile

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0