Prima Pagina | Lettere alla redazione | La sanità aretina vista da chi ne usufruisce

La sanità aretina vista da chi ne usufruisce

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
La sanità aretina vista da chi ne usufruisce


Sono un medico ospedaliero della ASL 8 , quindi chi legge dirà “ bella forza giocavi in casa “ . Ma non è così , il dolore cardiaco quando ti prende ti prende e se ti prende in un posto sperduto della campagna aretina sei come tutti gli altri ne più né meno ; pensi che ormai ti tocchi morire e ti rassegni ma dopo neanche 20 minuti dalla telefonata arrivano i nostri del 118 , ragazzi e ragazze meravigliosi che con ogni tempo e ad ogni ora devono cercare di arrivare prima possibile per salvare la vita di chi li ha chiamati . Mi fanno immediatamente l’elettrocardiogramma mentre con la terapia in vena fanno passare quel terribile dolore che pensavo mi portasse alla morte , nel frattempo sento che allertano altri ( chissà chi saranno ) ma quando arrivo all’ospedale mi accorgo che non mi portano al Pronto Soccorso ma nella sala di Emodinamica dove mi sta già aspettando un collega cardiologo , una faccia conosciuta , il Dr Giovanni Falsini che conosco da molti anni , già dai tempi in cui lavoravo a Montevarchi ( mi sento più tranquillo ) ; mi dice “ caro ennio come avrai capito dobbiamo fare la coronarografia per capire cosa sta succedendo “ va bene , firmo il consenso ed in pochissimi minuti il collega mi fa vedere che una delle coronarie è chiusa , va aperta con un palloncino ed una mollettina detta “ stent “ , non sento assolutamente nulla e finalmente tutti i dolori sono scomparsi ; mia moglie è fuori che aspetta , è più tranquilla , più radiosa , mi appare anche più bella e ho una gran voglia di baciarla . In meno di due ore sono passato dall’inferno al paradiso , dalla morte alla vita e questo non potrò mai dimenticarlo .

Da quel momento in poi è tutto in discesa , poco meno di 24 ore in unità coronarica dove anche lì incontro volti conosciuti e amici ma soprattutto professionalmente preparati . Infine un breve soggiorno in cardiologia e tutto finisce per il meglio .

Cari aretini abbiamo la fortuna di vivere in una sanità efficiente e sono contento ed orgoglioso di far parte di questa categoria e chi mi conosce sa che non parlo per circostanza .

Mi sento obbligato a ringraziare tutti i direttori dei dipartimenti dell’emergenza – urgenza – 118 e del cardiovascolare ( Dr Alberto Cuccuini , Dr Massimo Mandò , Dr Leonardo Bolognese ) e tutti i medici ed infermieri che con professionalità e umanità ogni giorno si prodigano per salvare vite umane .

 

Dr Ennio Duranti

Direttore UOS Nefrologia e Dialisi PO3

ASL 8 Arezzo 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0