Prima Pagina | L'opinione | E noi faremo il Palacoingas o Estrahall...

E noi faremo il Palacoingas o Estrahall...

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
E noi faremo il Palacoingas o Estrahall...

La situazione del nuovo teatro tenda, è un po’ come le vergini dai candidi manti, vuota di dietro e finita davanti.

 

 

Cosa fare di un teatro costato già 850.000 euro, e tuttora inutilizzabile per mancanza delle opere finali, che si stimano intorno ai 250.000 euro? Le casse del comune rimbombano per il vuoto pneumatico. Interventi pubblici dunque sono impossibili. 

Realizzare il Palacoingas potrebbe essere una idea. Un teatro tenda all’avanguardia nei sistemi di riscaldamento e gestione dell’energia, che porti come nome di battesimo e che per sempre richiami, la società aretina che potrebbe permettere finalmente la possibilità di vederne la fine.

Sappiamo di non poterci paragonare alla cosmopolita Firenze, ma anche qui il Teatro Obihall è un teatro tenda in zona Varlungo/Bellariva, sul Lungarno Aldo Moro.

Viene usato come centro polifunzionale, è uno dei principali luoghi per concerti sia pop che classici.

Conosciuto per molti anni semplicemente come "Teatro Tenda", dal 2002 fu noto come "Saschall", legato alla marca d'abbigliamento "Sasch".Da ieri, dopo la scadenza del contratto di sponsorizzazione con la Sasch, l'impianto ha cambiato denominazione in "Obihall", legato alla catena tedesca di negozi fai da te "Obi".

Noi non abbiamo né una Sasch né una Obi disponibili a sganciare tanti soldi, ma abbiamo una Coingas ! E poi chissà, non è detto che qualche bella industria non si faccia sotto per subentrare nella gestione del marchio, se l'opera è gradevole e efficiente. Molto dipenderà da come riusciremo a rendere importante, attraente e conosciuto anche il nostro teatro tenda, per renderlo così appetibile agli sponsor.

Mai come in questo caso, la gestione e l’uso della struttura, possono farla diventare interessante. Certamente un opera del genere, potrebbe vedere la sua morte se non verrà rapidamente ultimata. Non saranno solo i 250.000 euro a mancare, ma avremmo gettato alle ortiche molto, molto di più.  

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0