Prima Pagina | Politica società diritti | NUOVA ORDINANZA DI SOSPENSIONE DEGLI ATTINGIMENTI SUI CORSI D'ACQUA DELLA PROVINCIA

NUOVA ORDINANZA DI SOSPENSIONE DEGLI ATTINGIMENTI SUI CORSI D'ACQUA DELLA PROVINCIA

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
NUOVA ORDINANZA DI SOSPENSIONE DEGLI ATTINGIMENTI SUI CORSI D'ACQUA DELLA PROVINCIA

Il nuovo provvedimento stabilisce il divieto fino al 2 ottobre 2011. Le previsioni meteo indicano precipitazioni nel territorio aretino solo fra le giornate di domenica/lunedì, ma non daranno effetti significativi sulle portate dei corsi d’acqua e nel recupero delle capacità di invaso dei bacini


Nel corso dell'ultima riunione della Commissione Tutela delle Acque tenutasi presso l’Autorità di Bacino del fiume Arno, è stato richiesto formalmente alle Province di Arezzo, Siena e Firenze di proseguire con i provvedimenti di sospensione dei prelievi dai corsi d’acqua, attualmente in vigore, causa lo stato di particolare carenza idrica negli invasi di La Penna e Levane. In particolare per quest’ultimo bacino è iniziato l’abbassamento del livello rispetto alla quota di salvaguardia della Riserva Naturale di Bandella al fine di mantenere una minima portata per l’Arno nel tratto Valdarnese, che ha comportato il prosciugamento delle aree naturalisticamente più rilevanti in corrispondenza dell’ansa di Bandella. Dai dati degli idrometri e del monitoraggio eseguito da ARPAT e Polizia Provinciale, emerge un trend generalizzato di portate in flessione in tutti corsi d’acqua del territorio provinciale. Le situazioni più critiche si riscontrano in Valdarno dove l’Ambra è in forte sofferenza sia per ossigeno che per nutrienti (ammoniaca e fosforo), in Valtiberina si sono verificate sofferenze per l’ittiofauna nel Cerfone dove si è reso necessario il recupero di pesci. In generale si confermano le criticità dovute alle basse portate in tutti i corsi d’acqua. Le previsioni meteo indicano precipitazioni nel territorio aretino solo fra le giornate di domenica/lunedì, che comporteranno un temporaneo abbassamento di temperature, con successiva rimonta del l’anticiclone e di tempo stabile per tutto settembre. Le precipitazioni non daranno effetti significativi sulle portate dei corsi d’acqua e nel recupero delle capacità di invaso dei bacini. Stante l’attuale quadro globale è stata proposta la prosecuzione del provvedimento di sospensione dei prelievi idrici di cui all’Ordinanza n. 158 del 01/09/2011, confermando, dato il quadro globale della situazione, su richiesta dell’Autorità di Bacino del Fiume Arno, la sospensione anche sull’asta dell’Arno a valle della diga di Levane. Il nuovo provvedimento di sospensione partirà quindi dalle ore 00.00 del 19 settembre 2011 alle ore 24.00 del 2 ottobre 2011, esteso a tutti i corsi d’acqua superficiale della Provincia di Arezzo ad esclusione del fiume Tevere a valle dell’invaso di Montedoglio.

 

Rimangono esclusi dalla sospensione: le concessioni e le autorizzazioni di attingimento per usi idropotabili e/o civili nella loro totalità; i prelievi da invasi e laghetti irrigui; le concessioni e le autorizzazioni di attingimento con obbligo di rilascio; le concessioni e le autorizzazioni di attingimento per usi termoelettrici; le concessioni e le autorizzazioni di attingimento per l’abbeveraggio del bestiame;

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0