Prima Pagina | Politica società diritti | MANOVRA- NICOTRA (FDS) DOMANI A ROMA ALLA MANIFESTAZIONE DELL’UPI

MANOVRA- NICOTRA (FDS) DOMANI A ROMA ALLA MANIFESTAZIONE DELL’UPI

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
MANOVRA- NICOTRA (FDS) DOMANI A ROMA ALLA MANIFESTAZIONE DELL’UPI

 

Sarà presente anche il capogruppo della Federazione della Sinistra in consiglio provinciale alla manifestazione nazionale indetta dalla Unione della Province Italiane contro la manovra finanziaria del governo. “I tagli presenti nella manovra del governo – dichiara Alfio Nicotra – che si aggiungano a quelli dello scorso anno e a quelli già varati appena a Luglio, sono di dimensioni tali da azzerare le capacità degli enti locali di dare risposte a diritti fondamentali per i cittadini. Dopo anni di discussioni strumentali sul federalismo ecco che si getta definitivamente la maschera : si vuole uccidere le autonomie locali in nome di una supina osservanza dei diktat della Banca Centrale Europea  e degli speculatori.”

Per Nicotra  - che è membro del direttivo nazionale dell’Upi convocato in via straordinaria per domani mattina, insieme a tutti i presidenti delle province d’Italia davanti a Montecitorio a Roma – “il governo non ha alibi . Con il taglio agli enti locali Berlusconi mette le mani direttamente nelle tasche dei cittadini e colpisce pesantemente le fasce più deboli delle nostre comunità. Il trasporto pubblico locale e l’edilizia scolastica subiranno un drastico ridimensionamento, mentre i vincoli di bilancio renderanno ancora più soffocante il Patto di stabilità impedendo ogni investimento pubblico”.

“Bene che gli enti locali di ogni colore politico si mobilitino – afferma l’esponente della Fds – ma sarebbe inaccettabile che le sacrosante richieste delle amministrazioni locali fossero pagate con ulteriori tagli alla sanità  o con l’innalzamento dell’età pensionistica o con il taglio ai salari dei dipendenti pubblici o peggio ancora con l’obbligo di privatizzare forzosamente le aziende pubbliche in barba al risultato del recente referendum del giugno scorso. E’ possibile invece reperire risorse facendo  pagare chi non ha mai pagato attraverso una patrimoniale che colpisca le grandi ricchezze e le grandi rendite finanziarie.”

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0