Prima Pagina | Politica società diritti | "Capire fa la differenza!"

"Capire fa la differenza!"

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
"Capire fa la differenza!"

Nota del gruppo consiliare Movimento 5 Stelle

 

 


Durante gli ultimi mesi è arrivata a tutti gli aretini una lettera da parte dell' Aisa con all'interno la solita bolletta da pagare; molti si saranno accorti che il bollettino è stato accompagnato da un foglio informativo sulla Ecocard, una tessera sperimentale che dovrebbe portare dei benefici al cittadino.
Premesso che questa iniziativa è da considerarsi un piccolo passo in avanti nella gestione rifiuti del nostro territorio, purtroppo siamo ancora lontani dalla corretta strada da intraprendere. Troppe sono le incongruenze nelle scelte di questa amministrazione comunale.

Andiamo per ordine; la Ecocard viene consegnata al cittadino presso uno dei due punti di raccolta rifiuti scelti nella città di Arezzo alla presentazione dell'ultima bolletta. Con la Ecocard il cittadino dovrebbe avere benefici, premi o sconti in proporzione al peso dei rifiuti consegnati nel centro raccolta (naturalmente divisi per le varie categorie di raccolta differenziata).

Pensiamo che il modo di incentivazione sia giustissimo; i cittadini virtuosi devono essere premiati. Il metodo di consegna dei rifiuti è invece molto scomodo, dovendo portare i propri rifiuti in due centri abbastanza fuori mano. Quanto sarebbe più facile e seguito un sistema che permette al cittadino di lasciare i propri rifiuti sotto casa?

La soluzione è, come riportiamo sempre, il "porta a porta", una tariffa puntuale che fa pagare solo il rifiuto indifferenziato e la strategia "rifiuti zero". Non vorremmo che il possibile fallimento di questa Ecocard lasci il diritto di pensare ai ben noti politici che agli aretini non interessa la questione e che possono agire indisturbati.

Il nostro ruolo di Movimento 5 Stelle, ma anche di ogni cittadino che ha a cuore l'ambiente in cui viviamo e la propria salute, è di far capire la differenza che c'è tra una scelta ed un'altra.
Lasciare i rifiuti sotto casa è diverso dal portarli a 5-6 km di distanza, BRUCIARE i rifiuti è diverso dal RICICLARLI, dare dei premi è diverso dall'abbassare clamorosamente la tariffa, diventare un comune che adotta la strategia rifiuti zero (sono sempre più in tutta Italia) è diverso dal subire le scelte di un organismo come l' ATO TOSCANA SUD che vuole avvelenare noi ed il nostro territorio con un inceneritore cancerogeno e mutageno.

Meno male che capire la differenza, fa la differenza”.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0