Prima Pagina | Lo Sport | Amaranto: allenamenti alle Caselle

Amaranto: allenamenti alle Caselle

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Amaranto: allenamenti alle Caselle

 

L’Arezzo si allenerà presso gli impianti sportivi de Le Caselle. La società amaranto, non avendo raggiunto alcun accordo con la famiglia Funghini, proprietaria dei campi “Lebole” e “Zampolin”, dovrà utilizzare le strutture messe a disposizione dalla O’Range Chimera. Una scelta dettata anche dal fatto che di alternative valide al momento non ce ne sono e così a partire da oggi Mario Raso e compagni si alleneranno sui campi del società satellite.

Ovviamente la soluzione, stando a quanto affermarono a suo tempo i dirigenti delle due società, scontenta un po’ tutti. Da un lato c’è l’Arezzo che aveva messo in cantiere progetti legati al marketing, ad uno stadio a misura di tifoso, pronto per essere vissuto sette giorni su sette con bar e corner shop con i prodotti griffati con lo stemma del cavallino rampante. Difficile pensare che il Comunale possa attirare tifosi e appassionati mentre gli i giocatori svolgeranno gli allenamento dall’altra parte della città. Nel frattempo anche per la neonata O’Range Chimera sorgono degli inconvenienti. Se fino ad oggi c’era la disponibilità dell’impianto e delle strutture de Le Caselle, giocatori e staff tecnico della prima squadra potrebbero al più presto preparare le borse per trasferirsi a Pratantico dove sorge un altro impianto sportivo di proprietà della società aretina. Come non bastasse oltre all’Arezzo e alla prima squadra dell’O’Range Chimera impegnata nel campionato di Promozione c’è poi da sistemare le altre formazioni del settore giovanile che parteciperanno per lo più a tornei regionali. E così oltre ai terreni di gioco per gli allenamenti serviranno poi quelli per le gare casalinghe, possibilmente in buone condizioni. Insomma il problema dei campi di allenamento sembra aver innescato un vero e proprio effetto domino che ha coinvolto suo malgrado anche il Chimera.

Resta da vedere a questo punto fino a quando l’Arezzo resterà ospite della società del presidente Massai visto e considerato che per gli amaranto c’è la necessità di poter provare schemi e movimenti su terreni simili per dimensioni al Comunale.


 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0