Prima Pagina | Salute e sanità | Appello di Holliday

Appello di Holliday

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Appello di Holliday

Contro l'abbandono degli animali e per la sterilizzazione dei gatti e dei cani: Il medico, rappresentante in Italia della Società anglo-italiana per la protezione degli animali (Aispa), chiede aiuto per il Rifugio per gatti “Cinni” di Sargiano


Serve cibo, in particolare scatolette, per gli ottanta mici ospiti della struttura

«Sterilizzate i gatti e i cani e non abbandonate le cucciolate nei boschi o al cancello del nostro rifugio di Sargiano o a quello dell’Enpa». Il veterinario Malcolm Holliday, rappresentante in Italia della Società anglo-italiana per la protezione degli animali (Aispa), invita i cittadini al senso di responsabilità per il bene degli animali che lui, da quarant’anni, soccorre e cura. Un amore testimoniato concretamente con la costruzione del gattile “Cinni”, un rifugio esemplare - dotato anche di un ambulatorio e di una sala operatoria - che dal 2005 ha accolto oltre 700 gatti abbandonati, malati, feriti e in alcuni casi anche maltrattati. Di questi oltre il 50 per cento è stato adottato. «Purtroppo questa struttura è considerata da molti un posto dove scaricare i gatti», dichiara il dottor Holliday. «I cittadini non possono abbandonarli alla nostra porta, perché noi non siamo in grado di accettare tutti ma solo gli animali gravi, che spesso ci arrivano dalla Usl. Capita inoltre di far fronte a situazioni di difficoltà, come nel caso in cui muoia un anziano il cui gatto rimane quindi solo. Il nostro rifugio al momento può accogliere al massimo 80-90 gatti, oltre non si riesce più a gestire. Il mio appello è quindi rivolto ai cittadini, affinché sterilizzino i gatti e i cani, unico modo per eliminare il randagismo e dare una possibilità in più di essere adottati agli animali rinchiusi nei gattili e nei canili, strutture che in un paese civile non dovrebbero esistere. E’ necessario quindi sensibilizzare ed educare le persone», conclude Holliday, «perché senza il senso di responsabilità né il rifugio Cinni, né l’Enpa, lo Scudo o la Lav possono farcela».

Il medico ricorda infine tutti i vantaggi della sterilizzazione, che aiuta a prevenire la diffusione delle malattie (nei gatti in particolare aids e leucemia) e i tumori mammari, oltre che la formazione delle cisti ovariche che causano nella gatta continui periodi di calore. Con la sterilizzazione si prevengono anche la lotta tra i gatti e la marcatura del territorio-casa.

Come aiutare il Rifugio “Cinni”

Il gattile di Sargiano non riceve finanziamenti pubblici e vive esclusivamente grazie all’impegno dei privati. Per questo il dottor Holliday chiede aiuto. Si può raccogliere cibo, in particolare scatolette, ma anche fare una donazione (c.c. postale n. 59616250) per mantenere questo rifugio dove sei anni fa il veterinario ha avviato un’impresa pionieristica in Italia.

Oltre al cibo, durante tutto l’anno il gattile richiede piatti di plastica, rotoli di carta, giornali, vecchie coperte di lana o pile, maglioni e oggetti vari per i mercatini, come quello che viene allestito durante i giorni della fiera Antiquaria sotto i portici di via Roma. Il punto di raccolta è presso l’ambulatorio del dottor Holliday in via Antonio Nardi 16 (zona San Lorentino) ad Arezzo (tel. 0575 352201). In particolare presso il supermercato Despar di via Setteponti ad Arezzo (Crocifisso delle forche) le scatolette possono essere acquistate e direttamente depositate nel box del rifugio presente all’uscita del negozio. Per ulteriori informazioni sul Rifugio www.rifugiogatticinni.org

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0