Prima Pagina | Politica società diritti | A fianco delle famiglie della scuola Pio Borri

A fianco delle famiglie della scuola Pio Borri

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font

Dichiarazione del consigliere comunale Andrea Modeo (Pd):

 

Dopo la mia interrogazione nell’ultimo Consiglio Comunale, auspico che l’annunciato incontro di mercoledì tra il rappresentante dell’amministrazione comunale, il dirigente scolastico, il rappresentante degli insegnanti e il rappresentante dei genitori sulla scuola Pio Borri possa portare a una soluzione diversa da quella prospettata finora: 30 famiglie hanno infatti legittimamente chiesto 2 classi prime per il prossimo anno mentre l’ufficio scolastico regionale ha dato indicazione per 1 classe di 25 bambini. Dunque, 5 famiglie sono state escluse e, come soluzione prospettata, indirizzate verso la scuola Gamurrini.

Mi pare giusto sostenere il diritto di questi genitori a iscrivere i figli all’istituto del comprensorio scolastico di appartenenza e comunque alla scuola gradita sia in termini di prossimità con l’abitazione sia per ciò che la Pio Borri rappresenta in termini di qualità. Mi sembra altresì che la situazione prospettata dalle famiglie stesse, di 2 classi prime di 15 alunni, vada nella direzione del buon senso, quella caratteristica mancata alla cosiddetta “riforma” Gelmini che meglio sarebbe definire “mannaia”. Solo a questa va ascritto anche tale risultato penalizzante per la nostra città, le famiglie e i loro figli.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0