Prima Pagina | Politica società diritti | INCENTIVI ESAGERATI AI DIRIGENTI DEL COMUNE DI AREZZO

INCENTIVI ESAGERATI AI DIRIGENTI DEL COMUNE DI AREZZO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font


 

 

 

  Un’interrogazione del consigliere Roberto Bardelli del PDL ieri in consiglio comunale ha portato alla luce un fenomeno che lascia quanto meno basiti: Il comune di Arezzo ha elargito con provvedimenti del venti Maggio e dell’otto Giugno prudentemente dopo le elezioni,   per l’anno 2010 ben 339.210,03 come “retribuzione di risultato” semplificando i vecchi incentivi ai suoi dirigenti. Quasi 43000 euro al direttore generale, più di 13000 al segretario generale quasi 223000 da dividere tra i sedici (sic) dirigenti e più di 23000 per i 23 funzionari con posizioni organizzative. Nei mesi in cui il sindaco e i suoi assessori piangevano miseria accusavano il governo e paventavano la dismissioni di servizi essenziali concedevano dei “premi” ai loro dirigenti sulla competenza e dedizione al lavoro non discutiamo ma certo i loro incentivi corrispondono al costo di diversi bambini nelle scuole materne e a molte ore di straordinario per la polizia municipale. Non vogliamo essere populisti e crediamo che l’amministrazione debba riconoscere il merito dei suoi dipendenti ma se si guardano le tabelle eccetto le due funzioni apicali le altre sono premiate più o meno con gli stessi soldi nei due livelli:allora ci chiediamo come è stato valutato il merito e se sono tutti uguali dove sta il merito da incentivare?  Siamo certi altresì che nonostante la parole del sindaco in risposta il comune di Arezzo non abbia bisogno di 16 dirigenti (il comune di Bologna ne ha 8 ) considerando che il comune ha poco più di settecento dipendenti e una popolazione intorno ai centomila abitanti. E’ l’ora che anche il comune di Arezzo dia il via all’operazione trasparenza che altri comuni stanno facendo:metta sul siti del comune i curricula, le retribuzioni e gli incentivi di tutti i suoi dirigenti perché i cittadini hanno il dovere di sapere chi pagano, quanto li pagano e cosa hanno fatto per meritare la retribuzione di risultato oltre stipendi già molto dignitosi.                    

 ROBERTO BARDELLI

 GRAZIA SESTINI

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0