Prima Pagina | Politica società diritti | LA SINISTRA RIPARTE DAI BENI COMUNI

LA SINISTRA RIPARTE DAI BENI COMUNI

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
LA SINISTRA RIPARTE DAI BENI COMUNI

IL 1° LUGLIO CONFRONTO PUBBLICO SOTTO LE STELLE IN PIAZZA S.AGOSTINO

 

 

 

Il vento del cambiamento spira a sinistra . Il successo di Giuliano Pisapia e Gianni De Magistris  dimostra come alla sinistra del Partito Democratico sia possibile svolgere un ruolo ben diverso da quello di  semplici fiancheggiatori del principale partito di opposizione. La vicenda dei referendum dimostra infatti che proprio  da fuori il Partito Democratico e nel profondo della società civile sia possibile mettere in campo proposte radicalmente diverse da quelle neoliberiste della  privatizzazione e del mercato come fine della storia. Sono i beni comuni a rappresentare il cambio di fase. Se 27 milioni di elettori decidono di andare a votare per acqua pubblica, nucleare e legittimo impedimento a dispetto del boicottaggio operato dal governo Berlusconi  significa che si comincia a passare dall’egoistico “Io” ad un più importante e solidaristico “Noi”.  Per questa ragione i gruppi consiliari di SINISTRA PER AREZZO  nel comune capoluogo e quello della FEDERAZIONE DELLA SINISTRA in consiglio provinciale  promuovono per il 1° Luglio 2011 in piazza S. Agostino un confronto tra il portavoce nazionale della FDS MASSIMO ROSSI, l’esponente nazionale di SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ ROBERTO MUSACCHIO e  DANILO BIANCHI ex sindaco di Anghiari ed esponente degli enti locali per la ripubblicizzazione dell’acqua. Il dibattito è previsto alle 21.15 all’apaerto nella nuovo Piazza S. Agostino  sotto le stelle del cielo di Arezzo (in caso di mal tempo l’iniziativa si terrà presso il circolo Aurora)  dalle 20.00 in poi si potrà gustare  inoltre una APERICENA con prodotti locali e buon vino.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0