Prima Pagina | L'opinione | Licio Gelli sulla P4: "Non è una cosa seria: se c'è, al massimo è un comitato carnevalesco"

Licio Gelli sulla P4: "Non è una cosa seria: se c'è, al massimo è un comitato carnevalesco"

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Licio Gelli sulla P4: "Non è una cosa seria: se c'è, al massimo è un comitato carnevalesco"

Vi ricordate una famosa pubblicità che terminava con... : "il signore si che se ne intende!" E quanto ad intendersi di comitati e logge segrete nessuno può rivaleggiare con il Venerabile della P2

Con poche battute riprese un po' da tutta la stampa, Licio Gelli liquida la nuova P4 e il suo animatore Bisignani. Lo ricorda bene ancora giovanissimo e molto intraprendente. Ma di lui perse presto ogni traccia. Il venerabile non risparmia stoccate ed aggiunge che non è più possibile andare avanti con questo andazzo... La classe politica di oggi ci ha portato nel baratro. Ai suoi tempi - ricorda Gelli - l'Italia era uno Stato rispettato e temutoLa P4 esiste, secondo lui, nella mentalita' dei giudici, prossimamente verra' fuori la P5: ormai e' una sigla magica. La P2 era una cosa molto seria. "Questa P4, se c'e', e' un comitato carnevalesco'', dice in una intervista esclusiva all'ADNKRONOS Licio Gelli, ex maestro Venerabile della Loggia P2.

"Io ho vissuto quando l'Italia era un vero Stato, rispettato e temuto e magnificamente funzionante. Oggi non esiste piu' perche' non abbiamo nemmeno una persona di un certo spessore, di competenza e soprattutto carismatico". Ricordando infine la P2, Gelli ricorda che nessuno dei membri della famosa loggia, fu mai nemmeno lontanamente sfiorato dagli scandali di tangentopoli e di mani pulite. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0