Prima Pagina | Comunicati stampa | L'emendamento al bilancio del Pd, la posizione del gruppo Sinistra

L'emendamento al bilancio del Pd, la posizione del gruppo Sinistra

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
L'emendamento al bilancio del Pd, la posizione del gruppo Sinistra

 

 

Alessandro Arcangioli e Marco Donati: “Esprimiamo soddisfazione per gli stanziamenti a favore delle politiche giovanili e a sostegno della disabilità mentale previsti nel bilancio approvato grazie a un emendamento che adegua il bilancio stesso alle modifiche statutarie approvate recentemente. Queste risorse, pari a 54.500 euro, permetteranno il raggiungimento di importanti obiettivi relativi alle politiche culturali, giovanili e sociali. Fondamentali i 30.000 euro destinati alle politiche giovanili in quanto permetteranno di mantenere viva l’importante rete associativa cittadina promotrice di eventi di richiamo.

Con l’approvazione del bilancio la maggioranza dimostra l’ennesimo atto di coesione e maturità politica consegnando alla futura amministrazione un ente finanziariamente solido e con i conti in ordine nel quale scuola e sociale rappresentano le priorità destinate a mantenere alta la qualità del welfare locale”.

I consiglieri comunali del gruppo sinistra Marco Tulli, Marco Paolucci, Cristiano Rossi e Marco Bianchi hanno manifestato soddisfazione: “Esprimiamo grande soddisfazione per l’approvazione del bilancio comunale, avendo contribuito in maniera determinante a ottenere nel bilancio una importante quota destinata alla Valutazione di impatto sanitario per l’inceneritore e per aver risparmiato più di 50 mila euro da destinare alle politiche giovanili e alle politiche sulla disabilità mentale.

Salute, attenzione al sociale e investimento sulla cultura e sulle realtà del territorio sono tre elementi chiave di una visione diversa della città, visione che va sostenuta con forza per uscire dalla spirare, crisi economica, crisi sociale, crisi culturale.

La somma investita è stata ottenuta grazie ai risparmi ricavati dall’eliminazione della figura del direttore generale. Questo elemento, unito al fatto di aver mantenute intatte le quote destinate al sociale e alle scuole, nonostante i fortissimi tagli del governo nazionale, danno un segno di civiltà che speriamo poter rafforzare negli anni a venire”.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0