Prima Pagina | Cancellati - deleted | Sala-Brunori, uno-due micidiale. L'Arezzo sbanca Piacenza e vola sempre più in alto (0-2)

Sala-Brunori, uno-due micidiale. L'Arezzo sbanca Piacenza e vola sempre più in alto (0-2)

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Sala-Brunori, uno-due micidiale. L'Arezzo sbanca Piacenza e vola sempre più in alto (0-2)

Gli amaranto superano un altro esame difficilissimo con le armi più appuntite di quest'annata: ordine tattico, qualità, applicazione. La gara con i biancorossi è equilibrata, Pelagotti deve metterci del suo un paio di volte, poi il terzino la sblocca con un diagonale chirurgico a metà ripresa. Subito dopo il centravanti raddoppia e la mette in ghiaccio. Dal Canto adesso è primo in classifica Gli amaranto superano un altro esame difficilissimo con le armi più appuntite di quest'annata: ordine tattico, qualità, applicazione. La gara con i biancorossi è equilibrata, Pelagotti deve metterci del suo un paio di volte, poi il terzino la sblocca con un diagonale chirurgico a metà ripresa. Subito dopo il centravanti raddoppia e la mette in ghiaccio. Dal Canto adesso è primo in classifica

Torna Sala in formazione, per il resto Dal Canto va sul sicuro e conferma dieci undicesimi della squadra che lunedì ha quasi battuto la Carrarese (che oggi ha rifilato 4 gol al Pisa, saltando momentaneamente in testa alla classifica). Franzini, atteso da un trittico terribile (Arezzo oggi, Vercelli mercoledì e Alessandria domenica) schiera i suoi con il 3-5-2.

Gli amaranto prendono bene il campo e l'iniziativa, anche se il primo brivido lo crea Romero, quando anticipa Pelagatti e Pelagotti e mette sull'esterno della rete dando l'illusione del gol. Al 20' bella palla di Foglia su Persano, ma il diagonale del 19 è troppo debole: Fumagalli para. Barlocco è il primo ammonito del match e proprio lui mette in testa a Romero un bel cross al 27': palla alta. L'Arezzo espone il solito palleggio arioso e qualitativo, ma fatica a concludere.

Il Piacenza è più farraginoso ma chiama in causa Pelagotti al 33': la punizione di Di Molfetta gli rimbalza davanti e il portiere è bravo a smanacciare in corner. I padroni di casa aspettano e giocano di rimessa, gli amaranto si fanno vivi in avanti con un tiro di Foglia da fuori area (palla alta). Dopo un minuto di recupero, Marchetti fischia la fine del primo tempo: 0-0 giusto.

La ripresa si apre con un'occasione per Pergreffi su azione d'angolo: Pelagotti c'è. Il Piacenza prova a forzare i ritmi e fare la partita, l'Arezzo si abbassa di venti metri rispetto al primo tempo. Al quarto d'ora Dal Canto toglie Persano, evanescente, e mette dentro Zini.

Al 23' Serrotti ci prova dai venticinque metri: sinistro centrale che Fumagalli intercetta senza problemi. La partita sembra appiattirsi, ma proprio Zini ha il lampo giusto: sradica palla dai piedi di Nicco a metà campo, poi allarga a sinistra. Foglia con un velo libera Sala che converge e con il destro calcia in diagonale: la palla sbatte sul palo e s'infila. Amaranto avanti con il secondo gol stagionale del terzino. Il Piacenza non ha nemmeno il tempo di rimettersi in sesto che Brunori ruba palla a Silva, si presenta solo davanti a Fumagalli e lo fredda con un destro sotto la traversa. Il settore ospiti esplode.

I padroni di casa accusano la botta, anche se Fedato (appena entrato) avrebbe subito la palla per riaprire il match, ma Pelagotti salva alla grande. Dal Canto si sbraccia dalla panchina per evitare amnesie fatali. Sestu di testa mette fuori una palla invitante, poi è il turno di Keqi che rimpiazza Serrotti.

La zona Cesarini stavolta non fa danni e l'Arezzo si gusta tre punti dal sapore dolcissimo: la vittoria in trasferta mancava dalla prima partita stagionale a Lucca, lo scorso 16 settembre, e quella di stasera vale il primo posto della classifica insieme alla Carrarese. Gli amaranto superano alla grande un esame difficilissimo e lo fanno con le armi più appuntite di quest'annata: ordine tattico, qualità, applicazione.Dal Canto aveva fiducia nei suoi ragazzi e i suoi ragazzi lo hanno ripagato alla grande.

 

Piacenza. Stadio ''Leonardo Garilli'', ore 16.30.

PIACENZA (3-5-2): 1 Fumagalli; 24 Troiani, 6 Silva (30' st 19 Fedato), 4 Pergreffi; 20 Di Molfetta (24' st 16 Mulas), 8 Nicco, 21 Marotta, 10 Corradi, 25 Barlocco; 28 Romero (30' st 9 Pesenti), 7 Sestu (38' st 2 Sylla).

A disposizione: 12 Verderio, 22 Calore, 3 Cauz, 18 Della Latta, 23 Spinozzi.

Allenatore: Arnaldo Franzini.

AREZZO (4-3-1-2): 22 Pelagotti; 16 Luciani, 6 Pelagatti, 26 Pinto, 32 Sala; 8 Foglia, 13 Basit, 4 Buglio (45' st 29 Tassi); 11 Serrotti (38' st 28 Keqi); 19 Persano (15' st 7 Zini), 9 Brunori.

A disposizione: 1 Melgrati, 2 Zappella, 3 Varutti, 5 Mosti, 14 Danese, 23 Stefanec, 25 Choe, 27 Bruschi, 33 Borghini.

Allenatore: Alessandro Dal Canto.

Indisponibili: 10 Cutolo, 15 Nije, 17 Salifu, 21 Benucci, 24 Burzigotti, 39 Belloni.

ARBITRO: Matteo Marchetti di Ostia Lido (Massimiliano Magri di Imperia - Giulio Fantino di Savona).

NOTE: spettatori presenti 2.681 (1.159 paganti più 1.522 abbonati), incasso di 7.755 euro. Ammoniti: pt 24' Barlocco; st 30' Brunori, 35' Pinto, 41' Keqi. Angoli: 5-1. Recupero tempi: 1' e 5'

RETI: st 27' Sala, 29' Brunori

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0