Prima Pagina | Politica società diritti | Arezzo, degrado anche in via Petrarca. Campa (CasaPound): "Giunta assente e situazione fuori controllo”

Arezzo, degrado anche in via Petrarca. Campa (CasaPound): "Giunta assente e situazione fuori controllo”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Arezzo, degrado anche in via Petrarca. Campa (CasaPound): "Giunta assente e situazione fuori controllo”
 
 
Arezzo, 4 ott - È uscita in questi giorni sui quotidiani locali l’ennesima notizia di una situazione di forte degrado accaduta nel centro di Arezzo, precisamente in via Petrarca. Secondo le testimonianze degli abitanti della zona infatti un uomo è stato visto defecare in pieno giorno proprio lungo via Petrarca, incurante dei numerosi passanti che affollavano in quel momento la centralissima via cittadina. A riguardo è intervenuta CasaPound con un duro comunicato, esprimendo la propria solidarietà ai residenti della zona, costretti da tempo a sopportare una situazione ormai arrivata ai limiti dell’invivibilità.
 
“Ciò che è avvenuto questa settimana in via Petrarca è inconcepibile e scandaloso - afferma Francesco Campa, responsabile aretino di CasaPound - e ancora più grave è che non sia stato il gesto isolato di un folle, ma un fatto sintomatico di una situazione di forte degrado che ormai da tempo attanaglia tutta l’area limitrofa. Negli ultimi anni si sono infatti susseguiti una serie infinita di episodi di degrado in tutta la zona circostante: basti pensare alla vicina piazza Guido Monaco, un tempo salotto buono di Arezzo, oggi ridotta a bivacco di senza tetto, tossicodipendenti e immigrati, ma anche a piazza Risorgimento e a piazza San Jacopo, dove la pazienza dei residenti è messa duramente alla prova da una situazione che è ormai chiaramente fuori controllo”.
 
“Ciò che colpisce di questa situazione - prosegue Campa - è che le zone in questione non siano periferie problematiche o aree storicamente degradate, ma si trovino nel pieno centro cittadino, tra negozi ed uffici, nel cuore pulsante di un Arezzo che, riscopertasi recentemente città a vocazione turistica, non riesce neppure a venire incontro alle esigenze di normalità e sicurezza dei propri abitanti. Auto e vetrine spaccate, bisogni corporali e vomito ovunque, siringhe nei parchi cittadini e interi quartieri lasciati in mano a immigrati irregolari. Come si può pensare che una città in queste condizioni sia pronta per accogliere dei turisti? È forse questo il volto di Arezzo che Ghinelli e la sua giunta pensano di presentare a coloro che vengono da fuori?”.
 
“In tutti questi anni infatti, di fronte alle richieste e allo sdegno degli aretini le istituzioni, sindaco e prefetto in primis, sono rimaste colpevolmente sorde, rifiutando la situazione e non facendo niente per contrastarla. E pensare che era proprio sul tema della sicurezza che Ghinelli aveva fatto la voce grossa in campagna elettorale, riuscendo a sconfiggere un PD che da parte sua non aveva sicuramente fatto di meglio nelle sue precedenti gestione. Purtroppo la realtà dei fatti si è rivelata essere molto diversa dalle parole, e gli effetti del lassismo dell’amministrazione non possono che essere questi. Inutile dire da che parte si schieri CasaPound, da sempre con i cittadini e le loro esigenze,  contro il degrado e contro il menefreghismo che i nostri politicanti, siano essi di destra o di sinistra, dimostrano nei confronti del proprio popolo”.
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0