Prima Pagina | Lettere alla redazione | L’architetto Danilo Grifoni ci ha lasciato oggi, all’età di 75 anni, dopo una lunga malattia.

L’architetto Danilo Grifoni ci ha lasciato oggi, all’età di 75 anni, dopo una lunga malattia.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
L’architetto Danilo Grifoni ci ha lasciato oggi, all’età di 75 anni, dopo una lunga malattia.

 

Figura di spicco e punto di riferimento della cultura urbanistica di Arezzo e Castiglion Fiorentino, la sua città, ma anche di tutta la regione, è stato un appassionato politico nel Partico comunista e poi in tutte le sue evoluzioni successive. Ingabbiarlo però entro una sigla, non gli renderebbe giustizia, tanto il suo pensiero era libero, pur nell’orgoglio che mostrava per la sua appartenenza.

La sua passione civile si manifestava con uguale intensità e originalità nella lettura e nel progetto della forma della città così come nella forma della politica. In lui, come in altri della sua generazione e del suo spessore culturale, trovava un senso pieno il significato originario del termine “politica”.

Ad Arezzo ha sempre avuto lo studio professionale dove ha esercitato la professione insieme ad architetti che si sono succeduti, con i quali ha fortemente caratterizzato l’urbanistica aretina per oltre trent’anni. Suoi molti piani regolatori nelle Vallate aretine. Ma i meriti professionali sono sempre stati accompagnati dal suo essere stato considerato, da molti colleghi, amministratori, politici e intellettuali, un punto di riferimento, una guida per la comprensione della città e del territorio, nella cui lettura e interpretazione dei segni prevalenti era un vero maestro. L’architetto Grifoni aveva il grande pregio di capire e farsi capire da tutti, a prescindere da ogni differenza di istruzione, di cultura, di parte politica. Noto era anche il suo spirito caustico, il suo gusto per la battuta salace, i suoi numerosi aneddoti, tutti ruotanti intorno ad un vasto gruppo di amicizie di ogni età ed estrazione sociale.

Alla famiglia, alla moglie Luigina, ai figli Andrea e Leonardo, i quali con lui hanno condiviso e condividono lo stesso mestiere, le più sincere condoglianze da un gruppo di colleghi e amici che lo ricorderanno con grandissimo affetto e immensa stima.

La salma è esposta presso la Cappella del Commiato del cimitero dei Castiglion Fiorentino, e i funerali si terranno presso la Chiesa della Collegiata, sempre a Castiglion Fiorentino, lunedì 24 settembre alle ore 15,30.

(Gli amici e i colleghi)

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0