Prima Pagina | Politica società diritti | Insieme Possiamo: “Pieno appoggio all'Amministrazione sulle iniziative intraprese. Tutelare i lavoratori, il servizio e gli utenti”.

Insieme Possiamo: “Pieno appoggio all'Amministrazione sulle iniziative intraprese. Tutelare i lavoratori, il servizio e gli utenti”.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Insieme Possiamo: “Pieno appoggio all'Amministrazione sulle iniziative intraprese.  Tutelare i lavoratori, il servizio e gli utenti”.

 

L'Assemblea ATO rifiuti Toscana sud nella sua ultima riunione ha deliberato di dare mandato al Direttore Generale per richiedere un risarcimento per i numerosi disservizi che si sono verificati in molti comuni nell'ultimo mese. Dopo che il gestore ha deciso di sostituire lavoratrici e lavoratori interinali con il personale di cooperative di tipo B, il servizio non ha potuto più essere svolto secondo i parametri di continuità che dovrebbero contraddistinguerlo. Sei Toscana è una società non soggetta, in alcun modo, a rischio d'impresa: questo perché per 20 anni la gestione dei rifiuti è affidata a questa società che scarica gli investimenti sull'utenza, quindi direttamente sui cittadini. In una situazione come questa, dove un contratto ventennale garantisce pienamente il gestore, i vertici aziendali hanno scelto di sostituire i lavoratori interinali con manodopera a più basso costo, favorendo un turnover continuo che ovviamente non risponde ai minimi livelli di tutela dei lavoratori e, inoltre, non si traduce in un servizio efficiente.

Insieme Possiamo, come gruppo politico di maggioranza, sostiene l'azione portata avanti dall'Amministrazione e sollecita il gestore a trovare una soluzione che dia continuità al rapporto di lavoro dei dipendenti e un confronto continuo e proficuo con le rappresentanze delle lavoratrici e dei lavoratori. Per tutelare l'interesse dei cittadini i Comuni non hanno molti strumenti. L'unico modo per incalzare il gestore a tornare su scelte che siano a beneficio degli utenti e dei lavoratori è mettere in discussione il contratto con Sei; su questo fronte siamo certi che le conseguenze di un eventuale recesso siano affrontabili e che si possa arrivare a una definizione del modello gestionale che possa tradursi in una maggior efficienza. Peccato che questo punto sia stato rinviato alla prossima seduta, perché la discussione di questa opzione avrebbe sicuramente potuto favorire l'avvio di un dibattito sul superamento di un modello che non funziona e che, come gruppo di Insieme Possiamo, da anni mettiamo in discussione.                                          

Insieme-Possiamo Lavoro, Ambiente e Beni Comuni                       

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0