Prima Pagina | Lo Sport | Bike Beach to Beach: una Adriatico-Tirreno in tre tappe per un totale di 363 chilometri. Protagoniste le bike, gli sterrati, le strade secondarie e paesaggi unici

Bike Beach to Beach: una Adriatico-Tirreno in tre tappe per un totale di 363 chilometri. Protagoniste le bike, gli sterrati, le strade secondarie e paesaggi unici

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Bike Beach to Beach: una Adriatico-Tirreno in tre tappe per un totale di 363 chilometri. Protagoniste le bike, gli sterrati, le strade secondarie e paesaggi unici

Sabato 15 settembre il passaggio ad Arezzo

 

Bike Beach to Beach. È la tre giorni in bike, organizzata dall’Associazione sportiva Rossi 4 X 4, patrocinata dal Comune di Arezzo, da costa a costa, Adriatico-Tirreno. Pedalando tra percorsi fuoristrada, paesaggi e centri storici. Tre tappe: 14, 15 e 16 settembre, con partenza da Rimini e arrivo a Marina di Grosseto. Arezzo, geograficamente, è nel cuore di questo percorso e la città sarà interessata direttamente dal passaggio dei partecipanti.

L'assessore allo sport Tiziana Nisini: “un bellissimo evento che farà tappa ad Arezzo, una pedalata non competitiva, fuoristrada, soprattutto per cicloturisti, organizzata da una realtà molto attiva nel territorio e che spazia dall’automobilismo ai pedali e le due ruote. La Bike Beach to Beach attraverserà 5 province e 40 Comuni d'Italia, tanto per dare un'idea dello sforzo compiuto. Nella mattinata di sabato appuntamento in piazza Grande per ammirare la carovana”.

Ecco nello specifico le tre tappe: la prima è la Rimini – Sansepolcro per un totale di 124,2 chilometri. Dal ponte di Tiberio del capoluogo romagnolo si percorrerà la pista ciclabile della Valmarecchia fino a Ponte Molino Baffoni poi si proseguirà fino a Giardiniera di Casteldelci. Dopo il ristoro si riprendono le panoramiche strade sterrate che attraversano Gattara, Rofelle e Fresciano. Ed ecco il valico di Viamaggio da cui si devia per l’Alpe della Luna per raggiungere il Rifugio Gea Pian della Capanna, Germagnano e Sansepolcro. Il rifugio è stato reso famoso dall’attore Enrico Montesano che ha girato in questi luoghi parte del film denominato “Noi uomini duri”. L’Alpe della Luna consentirà di conoscere un itinerario di grande bellezza.

La seconda tappa è la Sansepolcro – Chianciano di 123 chilometri ed è quella che interessa Arezzo. Superato Palazzo del Pero, i partecipanti imboccheranno il tracciato della vecchia ferrovia della Valtiberina, all’altezza del Torrino, e ancora i sentieri fino a Gragnone per arrivare tramite piste ciclabili nel cuore della città. Diventeranno protagonisti i vicoli caratteristici del centro storico, Piazza Vasari, il duomo, le piste ciclabili, i parchi e il Sentiero della Bonifica che costeggia il Canale Maestro della Chiana. Quindi Frassineto, Foiano Della Chiana, fino a Montallese dove sarà lasciato il Sentiero Della Bonifica per dirigersi verso Chianciano.

La terza tappa è la Chianciano – Marina di Grosseto di 116,6 chilometri. I partecipanti passeranno da Bagno Vignoni, Ripa d’Orcia, Sant’Angelo Scalo, Porrona e Cinigiano. Tanto sterrato, poderi, boschi, ponti sull’Ombrone fino a Arcille per poi giungere a Istia D’Ombrone e Grosseto. Pochi chilometri e si profilerà il mare di Marina di Grosseto.

Dunque sono 363,8 i chilometri totali con una percorrenza dell’80% su strade sterrate e secondarie. Non mancheranno le soste presso i bivacchi predisposti dall’organizzazione.

“La Rossi 4x4 – ha precisato il presidente Stefano Rossi – è un’associazione sportiva dilettantistica di Arezzo. Vicepresidente è Debora Testi e segretario tesoriere è Luca Tenti. Le attività sportive attualmente praticate dai propri soci spaziano dall’automobilismo al ciclismo all’atletica. Punta di diamante dell’attività automobilistica è il settore Fuoristrada grazie al sottoscritto, pilota e navigatore che a livello internazionale si è distinto all’Africa Eco Race, ex Parigi-Dakar, finendo la gara alla prima partecipazione e a livello nazionale con il pilota trevigiano Elvis Borsoi. Per quanto riguarda il ciclismo ci tuffiamo adesso in questa avventura che segue nel nostro territorio il tracciato romano, poi mulattiera medioevale, che transitava a nord di Arezzo verso Anghiari. I ciclisti che parteciperanno avranno modo di apprezzare questo percorso senza cronometro, adrenalina o pensieri. Ci sarà invece l’eccezionale bellezza dei paesaggi e della natura incontaminata. Tutti potranno guardare la loro traccia Gps per rivedere da dove sono passati”.

Positivi apprezzamenti per la manifestazione sono stati espressi anche dagli altri presenti alla conferenza stampa: il delegato provinciale del Coni Giorgio Cerbai, il presidente provinciale Uisp Giorgio Ciofini, Fabio Sinatti della U.P. Policiano e il rappresentante del gruppo sportivo Vigili del Fuoco Giacomo Bulgarelli.

Per informazioni sulla Bike Beach to Beach: c’è il sito www.bikebeachtobeach.com per conoscere le caratteristiche del percorso, anche grazie a foto e video, i riferimenti con le agenzie che curano le prenotazioni alberghiere e le navette e per effettuare l’iscrizione. Non mancano la pagina Facebook e l’account Instagram: Bike Beach to Beach. La e-mail è [email protected] e le iscrizioni, anche giornaliere, sono possibili fino a mercoledì prossimo. Occorre essere in regola con la certificazione medico-agonistica.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0