Prima Pagina | Comunicati stampa | “A Roma il mille-proroghe ad Arezzo neanche mille lire. L'assessore Tiziana Nisini deve dimettersi”

“A Roma il mille-proroghe ad Arezzo neanche mille lire. L'assessore Tiziana Nisini deve dimettersi”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“A Roma il mille-proroghe ad Arezzo neanche mille lire. L'assessore Tiziana Nisini deve dimettersi”

La conferenza stampa del gruppo consiliare del Partito democratico

Il gruppo consiliare del Pd ha fatto il punto in una conferenza stampa sugli effetti che il decreto mille-proroghe potrebbe avere sul bando di riqualificazione delle periferie urbane e i relativi finanziamenti di cui beneficerebbe Arezzo e che adesso sono tornati a rischio.

Alessandro Caneschi: “la Lega ha presentato un emendamento al decreto cosiddetto mille-proroghe che rischia di determinare la scomparsa dei 17 milioni di euro concessi dai governi Renzi e Gentiloni ad Arezzo. L'impulso del Pd aretino, anche tramite i suoi deputati, era stato fondamentale per giungere a quel risultato a favore della città. Risorse importanti a fronte di un bando che il Comune non aveva neanche vinto. Speriamo ci sia un'azione forte del sindaco affinché questo emendamento sia cassato alla Camera dei Deputati per ripristinare questi fondi”.

Matteo Bracciali: “la senatrice Tiziana Nisini, assessore di questa amministrazione e sbandierato come presunto valore aggiunto dal sindaco, ha votato questo emendamento. Se questi sono i risultati non c'è da stare tranquilli. Per quanto ci riguarda ne chiediamo le immediate dimissioni. Le lettere di Ghinelli non mi pare abbiano portato grandi riscontri. E anche all'assessore Gamurrini, illuminato sulla via di Pontida, non credo abbiano accennato a questo emendamento in occasione del raduno. Siamo dunque dinanzi a una questione politica fondamentale, un non detto che tiriamo fuori a voce molto alta. Nel frattempo a Grosseto le risorse permangono perché quel Comune il bando lo aveva vinto. Arezzo invece, a oggi, è priva di un piano delle opere pubbliche e senza i 17 milioni su cui contava. Dovremo ricominciare daccapo. La discussione sulla stessa area ex Lebole sarà monca perché per la limitrofa rotatoria di via Fiorentina, a questo punto, si pone la domanda: verrà realizzata o no?”.

Alla conferenza stampa era presente anche Marco Donati: “la Toscana avrebbe beneficiato complessivamente di 146 milioni di euro grazie a questo grande progetto di opere pubbliche che i governi precedenti di centrosinistra avevano garantito. Un emendamento del genere non si improvvisa. La senatrice e sindaco leghista, Giusi Pirovano, che lo ha scritto ha ottenuto di sicuro l'avallo di Palazzo Chigi. È a rischio la riqualificazione di molte città italiane”
.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0