Prima Pagina | Politica società diritti | L’assestamento di bilancio

L’assestamento di bilancio

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
L’assestamento di bilancio

 

 

 


L’assessore Alberto Merelli ha illustrato la delibera relativa alla verifica degli equilibri di bilancio per il triennio 2018/2020: “abbiamo rivisto le stime sia in virtù dei maggiori dividendi provenienti dalle società partecipate, Coingas, Nuove Acque, Atam, Afm, Multiservizi, sia integrando la spesa sociale ed educativa (più 240.000 euro) e quella destinata allo sviluppo turistico e culturale. In merito a quest’ultimo aspetto, abbiamo integrato il contributo alla Fondazione Arezzo Intour (60.000 euro) e in particolare quello alla Fondazione Guido d’Arezzo per 100.000 euro da destinare all’ambito musicale. Più 60.000 euro inoltre per i mezzi della polizia locale. Il fatto che non abbiamo provveduto a un assestamento consistente dimostra che il bilancio era redatto ab initio in modo corretto”.

La questione dei servizi sociali che andranno a beneficiare di questo incremento è stata posta da Matteo Bracciali: “anche se un assestamento complessivo di 500.000 euro non è certo di entità tale da consentire un giudizio ampio. Il nostro voto negativo sarà riferito al documento unico di programmazione. Il volano turistico è importante, certo, ma se vogliamo dare un segno che qualcosa è veramente cambiato necessita un passo ulteriore”.

L'assessore Lucia Tanti ha specificato che ne beneficeranno le quote sanitarie e i minori in carico, “in controtendenza rispetto al passato quasi tutti italiani”

Le modifiche al regolamento per l’occupazione di spazi e aree pubbliche

 
Consiglio Comunale 16 luglio 2018 / le modifiche al regolamento per l’occupazione di spazi e aree pubbliche

 

Approvate su proposta dell’assessore Marcello Comanducci una modifica e un’integrazione al regolamento per l’occupazione di spazi e aree pubbliche e per l’applicazione del relativo canone, la Cosap. “Si tratta di variazioni già previste e necessarie in seguito alla costituzione della Fondazione Arezzo Intour e della Fondazione Guido d’Arezzo. La modifica prevede, infatti, che sono esenti dal canone le occupazioni temporanee per manifestazioni e iniziative organizzate e promosse dalle due fondazioni, in quanto attività prima gestite in proprio dal Comune.

Ulteriore modifica riguarda le occupazioni per attività commerciali sulla base di un progetto unitario, da sottoporre comunque all’approvazione della Giunta e che coinvolgano tutti gli operatori di una strada o di un’area, ad esempio Saione, valorizzandola in maniera significativa: possono essere dichiarati esenti dalla Cosap fino a un anno dall’approvazione del progetto. L'intento è quello di favorire anche zone della città con maggiori difficoltà rispetto al centro”.

Matteo Bracciali ha posto la questione delle ricadute di questo atto per lo sviluppo della fondazione e per il suo rilancio e quali sono le attività esenti. La precisazione di Comanducci è stata “solo quelle gestite direttamente dalle fondazioni e non quelle, per ipotesi, patrocinate”. La delibera è stata approvata con 18 voti favorevoli e 5 astenuti.

“La nuova sede della polizia locale: la maggioranza fa mancare il numero legale sull’atto di indirizzo delle opposizioni”

 

Nota dei gruppi consiliari Pd e Arezzo in Comune

“La nuova sede della polizia locale: la maggioranza fa mancare il numero legale sull’atto di indirizzo delle opposizioni”

 

“Discutere della nuova sede della polizia locale sembra diventato argomento tabù. Alla sospensione dell’atto di indirizzo nella seduta di giugno, richiesta dal sindaco, è subentrata nella riunione odierna la mancanza del numero legale. La maggioranza ha votato le pratiche poi ha pensato bene di allontanarsi prima degli atti di indirizzo. Così un problema che riguarda non solo gli agenti e le loro condizioni di lavoro ma il controllo e la sicurezza del territorio viene rimandato sine die. Un comportamento molto discutibile di chi ancora una volta ha pensato di affrontare un tema calzante riducendolo a mero iter amministrativo senza coinvolgere l’ambito del Consiglio Comunale, ovvero l’intera città. Chissà se alla ripresa dei lavori della massima assise cittadina saremo ancora in tempo”.

.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0