Prima Pagina | Eventi | Terre d’Arezzo Music Festival – Arezzo Organ Festival: un’edizione 2018 ricca di concerti e importanti novità. Presente l’organista della Cappella Sistina

Terre d’Arezzo Music Festival – Arezzo Organ Festival: un’edizione 2018 ricca di concerti e importanti novità. Presente l’organista della Cappella Sistina

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Terre d’Arezzo Music Festival – Arezzo Organ Festival: un’edizione 2018 ricca di concerti e importanti novità. Presente l’organista della Cappella Sistina

Un’edizione ricca quella del Terre d’Arezzo Music Festival 2018, la manifestazione dedicata alla musica classica e non solo, che nei mesi di luglio e agosto attraversa tutta la provincia di Arezzo con numerosi concerti ed eventi musicali. Organizzato dall’associazione Opera Viwa, il Festival arriva quest’anno alla 13esima edizione, con il patrocinio e contributo di Regione Toscana, di dieci amministrazioni comunali, a partire da quella di Arezzo, e di numerosi enti privati. Nei ben 30 eventi musicali che lo compongono, il Terre d’Arezzo Music Festival diventa sempre più internazionale, ospitando artisti straordinari e provenienti da molti Paesi: dagli Stati Uniti all’estremo oriente, passando per Svizzera, Russia, Serbia, Francia, Spagna. Le scelte artistiche pongono in evidenza quelli che sono a ben ragione considerati i due pilastri della storia della musica: l’organo e il pianoforte, con piena realizzazione di questo nella città di Arezzo. È invece alla quinta edizione la sezione “Arezzo Organ Festival”, dedicata alla musica organistica con 6 concerti nelle chiese più importanti della città, dal punto di vista storico e artistico. Il concerto inaugurale si terrà domenica 8 luglio, alle 18, presso la basilica di San Domenico, con un concerto per clarinetto, oboe e organo, con Raffaele Bertolini, clarinetto, Giuseppe Lo Preiato, oboe, e Andrea Trovato, organo. In programma musiche di Vivaldi, Bach, Telemann, Lefevre, Gound. Fra i principali protagonisti di questa serie dedicata all’organo, si segnalano il trombettista di fama internazionale Guy Touvron (15 luglio), l’organista Jean-Christophe Geiser, titolare della cattedrale di Losanna (22 luglio) e l’organista titolare della Cappella pontificia Sistina in Vaticano, Juan Paradell Solé (28 luglio). “È un’iniziativa culturale ormai consolidata nella città di Arezzo e tra le più riuscite, che ha superato i confini locali. Si esibiscono grandi artisti provenienti da tutto il mondo e per citarne uno in particolare l’organista della Cappella Sistina: è un onore ospitarlo in città. Arezzo è la città della musica e da questa manifestazione che raggiunge livelli sempre più alti arriva una ulteriore conferma” ha detto il sindaco Alessandro Ghinelli. L’assessore Lucia Tanti: “alla prima edizione di questa manifestazione avevo la delega alle politiche giovanili, che poi ho lasciato per un’altra, ma oggi per me si chiude un cerchio relativo alla parte formativa. Non si possono fare iniziative di grande qualità senza un pubblico consapevole. L’Organ Festival coniuga alti momenti culturali con momenti di formazione. Quindi, questo festival risponde in pieno ad Arezzo città della formazione musicale”. Infatti, come ha spiegato il direttore artistico Andrea Trovato: “confermando l’attenzione verso la formazione artistica e musicale, a partire da questa edizione ci saranno anche prolusioni e guide all’ascolto 30 minuti prima di ogni concerto, per introdurre il pubblico ai tesori artistici delle chiese del festival e alle caratteristiche degli organi e dei programmi musicali. Prolusioni a cura di Brigata Aretina Amici dei Monumenti e Associazione Opera Viwa, che in modo facile e accattivante potranno avvicinare anche i bambini ai tesori delle chiese e al mondo dell’organo e della musica classica”. Vera novità dell’edizione 2018, sempre nell’ottica di unire lo spettacolo dal vivo alla formazione di alto livello, sarà l’International Piano Master Class, presso CaMu Casa della Musica di Arezzo e Teatro Vasariano dal 14 al 21 luglio. Un gruppo di qualificati e affermati pianisti da tutto il mondo, per 8 giorni, condurranno i giovani pianisti partecipanti in una full immersion nella tecnica pianistica, esibendosi anche in Faculty Recital (16, 17, 19 luglio) e dando spazio agli allievi per Performance Finali aperte al pubblico (20 e 21 luglio). I docenti saranno Joel Schoenhals (Usa), Joanna Li (Cina), Svetlana Belsky (Ucraina), Andrea Trovato e Giacomo Scinardo (Italia). Si registrano iscrizioni da Stati Uniti, Colombia, Cina e Italia. Gli allievi del Liceo Musicale Francesco Petrarca di Arezzo potranno partecipare alla Master Class e alle Performance Finali in qualità di allievi effettivi con frequenza agevolata. Tutti gli appuntamenti saranno a ingresso libero e la cittadinanza è invitata. Contatti, informazioni e cartellone completo dei concerti: 347 3474929; [email protected]; www.terredarezzomusicfestival.it


  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0