Prima Pagina | Comunicati stampa | Inaugurata una “stanza rosa” presso lo Sportello Unico

Inaugurata una “stanza rosa” presso lo Sportello Unico

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Inaugurata una “stanza rosa” presso lo Sportello Unico

Uno spazio dedicato alle neo mamme e ai loro bambini

 

Inaugurata, presso lo Sportello Unico, dal sindaco Alessandro Ghinelli, dall’assessore alle pari opportunità Tiziana Nisini e per la Fidapa dal presidente della sezione aretina Leda Redi e dalla responsabile nazionale pari opportunità Fiorella Annibali, una “stanza rosa”. Si tratta di uno spazio gratuito dedicato alle neo mamme nel quale possono allattare il proprio bambino in tranquillità e comfort.

“L’idea nasce dal confronto diretto con le neo mamme, che hanno fatto presente la mancanza di uno spazio di questo tipo nel centro storico di Arezzo. Attualmente infatti, l’unica possibilità che avevano per allattare il proprio figlio era quella di recarsi nelle toilette di bar o negozi, ma nella maggior parte dei casi queste non sono attrezzate adeguatamente” ha spiegato la presidente di Fidapa che ha proposto l’iniziativa al Comune. “Abbiamo accolto con favore l’idea. L’amministrazione è molto sensibile alle esigenze delle donne con bimbi piccoli e alle famiglie in generale. Ringrazio pertanto Fidapa per questa proposta ed esprimo soddisfazione per averla potuta realizzare in un punto così centrale della città e molto frequentato come il nostro Sportello Unico” ha detto il sindaco Alessandro Ghinelli.

La "stanza rosa" contiene due poltrone con cuscini per allattamento, uno scalda biberon e un bollitore. E’ stata realizzata con il contributo di Comune, Fidapa e sponsor privati.

“E’ un luogo che dà serenità alle mamme, perché intimo e riservato. E’ aperto a tutte le neo mamme, non solo a quelle che si recano allo Sportello Unico come utenti. Ho, quindi, sposato fin da subito questa iniziativa ” ha aggiunto l’assessore Nisini.

“Potrebbero aderire al progetto della ‘stanza rosa’ anche gli esercizi commerciali del centro storico creando così una rete di ‘stanze rosa’, così come è avvenuto in altre realtà. Progetti di questo tipo sono già presenti da molti anni nella maggior parte delle città italiane e tante donne ne usufruiscono. Il nostro obiettivo è quello di portarlo anche ad Arezzo” ha concluso Fiorella Annibali, responsabile nazionale pari opportunità della Fidapa
.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

1.00