Prima Pagina | Territori | LA TOSCANA e L’UMBRIA ai tempi di Sir Giovanni Acuto : l’ospite d’onore del Castello di Montecchio Vesponi

LA TOSCANA e L’UMBRIA ai tempi di Sir Giovanni Acuto : l’ospite d’onore del Castello di Montecchio Vesponi

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
LA TOSCANA e L’UMBRIA  ai tempi di Sir Giovanni Acuto :  l’ospite d’onore del Castello di Montecchio Vesponi

Lectio Magistralis del Prof. Franco Cardini



CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELL’EVENTO E DELLE CELEBRAZIONI CASTIGLIONESI DEI 70 ANNI DELLA COSTITUZIONE

Mario Agnelli Sindaco di Castiglion Fiorentino

“il 2 Giugno e’ festa della nostra repubblica ed e’ regola festeggiare con sfilate militari e, deposizioni di corone ai monumenti.

Ed  anche a Castiglion Fiorentino potevamo allinearci a questa tradizione facendo sfilare in alta uniforme la nostra polizia municipale in Viale Bartolomeo Della Gatta.

Semplice modo, poco spettacolare (per l’esiguita’ del numero dei nostri agenti) e di basso impatto organizzativo.

Invece in questa ricorrenza dei 70 anni della nostra costituzione l’Amministrazione Comunale ha voluto rendere omaggio alla nostra Repubblica in modo incisivo sui nostri giovani ragazzi che hanno compiuto i 18 anni regalando una copia della nostra costituzione ed accogliendo a Castiglion Fiorentino in questa ricorrenza   il Prof. Franco Cardini, su proposta del Lions Club Cortona Valdichiana Host, che rappresenta una delle maggiori personalita’ intellettuali e storiche del nostro patrimonio culturale.

Due eventi con cui Castiglion Fiorentino onora in modo degno, civico ed etico questa data”

Massimiliano Lachi  Assessore alla cultura

“Vogliamo rendere omaggio a chi si e’ sacrificato 100 anni fa’, come la leva dei ragazzi del 1899 che nel lontano maggio 1918   attraversarono il Piave, regalando alla leva dei nostri diciottenni del 1999  una copia della costituzione e  affiancando questo impegno sui nostri giovani ad un evento che coinvolge tutta la comunita’ ospitando l’iiniziativa dei Lions Club che ha portato a Castiglion Fiorentino il Prof. Franco Cardini.

Giuliano Marchetti  Pres. Lions Club Cortona :

“Per  il nostro Lions Club e’ importante stare vicino alle nostre comunita’ con la luce della cutura per favorirela  loro crescita civile ed intellettuale.

Per questo siamo orgogliosi ed onorati di aver affiancato alla emerita iniziativa dell’Amministrazione Comunale della distribuzione di 1000 copie della costituzione italiana ai giovani castiglionesi  di proporre  alla comunita’ castiglionese un evento di grande spessore presentando il Prof. Franco Cardini che proporra’ una Lectio Magistralis in cui sara’ attore storico anche il Signore del Castello di  Montecchio Vesponi”

Olimpia Bruni  Giornalista

“Quando ho proposto al Prof. Franco Cardini,  su richiesta dei Lions, una sua conferenza a Castiglion Fiorentino ha subito dimostrato grande disponibilita’ perche’ questa era la terra del Signore di Montecchio su cui voleva scrivere un libro molti annio fa’; Il Professore ha una capacita’ divulgativa e di conoscenza che certamente sapra’ affascinate i presenti alla Lectio e rispondere alle domande e curiosita’ del pubblico”

Chi era Giovanni Acuto

Sir John Hawkwood, al secolo Giovanni Acuto, tra Toscana e Umbria. La vita e le avventure dello storico condottiero vissuto nel XIV secolo e presente nelle più importanti vicende della storia d’Italia, sarà narrata a Castiglion Fiorentino, il prossimo sabato 2 giugno, alle ore 17 presso l’auditorium della Chiesa di San Giovanni al Cassero, a Castiglion Fiorentino (Ar), dallo storico Franco Cardini, tra i più famosi medievalisti d’Italia. Una lectio magistralis promossa dal Lions Club Cortona Valdichiana Host, con il patrocinio del Comune di Castiglion Fiorentino, che avrà come obiettivo quello di raccontare il passaggio del personaggio medievale nelle terre tra Toscana e Umbria. «Un personaggio, Giovanni Acuto, che nel nostro territorio ha partecipato a molti eventi politici e storici importanti – spiega Giuliano Marchetti, presidente del Lions Club Cortona Valdichiana Host – che troverà nella Lectio Magistralis dello storico Franco Cardini un momento unico per raccogliere sotto questo personaggio alcuni passaggi fondamentali del nostro passato, iniziativa questa che va ad aggiungersi alle tante attività propedeutiche che il nostro Club sta portando avanti in Valdichiana».

Giovanni Acuto e la Valdichiana. Secondo la leggenda, era il secondo figlio d'un conciatore di pelli dal villaggio di Sible, presso il castrum di Hedingham nella contea d'Essex. Altre leggende fanno di lui un sarto prima di diventare soldato. In ogni caso intraprese la carriera militare e combatté per il suo re Edoardo III d'Inghilterra durante la guerra dei cent'anni. Dopo la pace di Brétigny (trattato che pose fine alla prima fase del conflitto) fondò una banda di mercenari, la Compagnia Bianca del Falco, che si schierava in difesa dello Stato che la pagava meglio. Nel 1362 venne reclutato dal Marchese del Monferrato e scese in Italia; a Lanzo Torinese sorprese Amedeo VI di Savoia, il quale fu costretto a pagare un ricco riscatto per la sua libertà e quella delle località sabaude cadute in mano agli avventurieri. Successivamente si spostò in Toscana dove combatté per la Repubblica di Pisa nella battaglia di Cascina del 1364. In seguito fu al servizio prima di Firenze e in seguito di Bernabò Visconti, del quale sposò una figlia illegittima nel 1377. Poco dopo sciolse l'alleanza anti-papale, provocando l'ira dei Visconti: dopo un acceso diverbio con il signore, firmò un trattato di amicizia e alleanza con la Repubblica di Firenze. Giovanni Acuto si mise infine al servizio di Firenze, che gli concesse quale residenza il Castello di Montecchio Vesponi, presso Castiglion Fiorentino, in Val di Chiana ed ebbe in dono anche il castello della Rocchetta, nei pressi di Poggibonsi, che sovrasta la strada per Siena e una tenuta con castello a San Donato in Polverosa. Morì il 14 marzo 1394 a Firenze, dove venne sepolto con grandi onori in Duomo.

Franco Cardini. Nato a Firenze, qui consegue la laurea in Lettere nel 1966. Nel 1967 diventa assistente volontario di Ernesto Sestan. Assistente ordinario alla cattedra di storia medievale e moderna della facoltà di Magistero dell'Università degli Studi di Firenze, poi professore incaricato di storia medievale nella stessa università e, nel 1985, professore associato e ordinario all'Università di Bari; nel 1989 ottiene la cattedra di Storia medievale a Firenze. Attualmente è professore ordinario presso l'Istituto Italiano di Scienze Umane (Sum) e fa parte del Consiglio scientifico della Scuola Superiore di Studi Storici di San Marino. Inoltre, è Direttore di Ricerca nell'École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi e Fellow della Harvard University. Il campo di studi principale di Cardini è quello della storia delle Crociate, affrontato con studi su scritti cristiani e arabo-islamici. Cardini ritiene che le crociate non siano state uno scontro di civiltà o guerra di religione, ma un "pellegrinaggio armato" volto a mettere la Terra Santa sotto il controllo politico di singoli potentati cristiani. Tutto questo senza che vi fosse la percezione, da una parte come dall'altra, dell'esistenza di due schieramenti nettamente distinti in funzione delle divisioni religiose: cristiani e musulmani si sono combattuti ma si sono anche alleati a seconda delle convenienze contingenti. Oggi è tra i massimi conoscitori del Medioevo in Italia e nel mondo.

Castiglion Fiorentino 25 maggio 2018

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0