Prima Pagina | Cronaca | Rocambolesco arresto a Campo di Marte

Rocambolesco arresto a Campo di Marte

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Rocambolesco arresto a Campo di Marte

L'azione nel pomeriggio del 21 maggio

La vicenda è iniziata quando all’interno della Galleria “Casentino”, veniva predisposto un servizio composto da militari in uniforme e in abito civile del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Arezzo, con la finalità di reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti in quella particolare zona,  attività illecita segnalata in più occasioni dai residenti.

Nel particolare due Carabinieri in abiti civili venivano avvicinati all’ingresso della galleria da due giovani extracomunitari, un pakistano 23enne ed un nigeriano 25enne, entrambi clandestini e senza fissa dimora nel territorio nazionale, che offrivano loro alcune dosi di cocaina.  

A tal punto i Carabinieri in borghese richiedevano l’immediato intervento delle pattuglie in uniforme che gravitavano nella zona. I due stranieri, alla vista delle auto con i colori d’istituto, tentavano di darsi a precipitosa fuga, venendo entrambi bloccati dalla pattuglia in abiti civili.  Il nigeriano, usando violenza, riusciva a divincolarsi e a scappare, scavalcava il parapetto di Via Vittorio Veneto. Nella caduta, da circa 2 metri d’altezza, si fratturava tibia e perone della gamba destra. Nonostante ciò proseguiva la fuga in direzione del vicino sottopassaggio, venendo tuttavia raggiunto e fermato dai Carabinieri.

A conclusione della vicenda i due extracomunitari venivano tratti in arresto per spaccio di sostanze stupefacenti e, il nigeriano, anche per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale poiché un Carabinieri riportava, a seguito dell’aggressione, lesioni giudicate guaribili in gg. 7 s.c. per trauma al polso sinistro. Venivano altresì sequestrati grammi 2,2 di cocaina divisi in 4 dosi.

L’Autorità Giudiziaria a seguito dei fatti, disponeva che il pakistano fosse trattenuto nella camera di sicurezza della Caserma di Arezzo mentre il nigeriano, anch’egli tratto in arresto, trasferito al reparto di ortopedia dell’Ospedale San Donato, in attesa di intervento chirurgico pianificato nei prossimi giorni.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0