Prima Pagina | Arte: da vedere | “Per sogni e per chimere”. Giacomo Puccini e le arti visive

“Per sogni e per chimere”. Giacomo Puccini e le arti visive

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“Per sogni e per chimere”. Giacomo Puccini e le arti visive

a cura di Fabio Benzi, Paolo Bolpagni, Maria Flora Giubilei e Umberto Sereni allestimento di Margherita Palli Lucca, Fondazione Ragghianti, 18 maggio - 23 settembre 2018

“Per sogni e per chimere”. Giacomo Puccini e le arti visive (18 maggio - 23 settembre 2018) è una mostra che nasce con l’intento di restituire al pubblico nuovi elementi d’indagine e molte opere inedite, approfondendo il rapporto tra Giacomo Puccini e gli artisti del proprio tempo, con particolare riguardo all’influenza che il grande compositore e la sua estetica esercitarono sulle arti visive in Italia tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento.

Sono esposte oltre 120 opere – provenienti dai più importanti musei e teatri italiani, nonché pezzi inediti custoditi in collezioni private – rappresentative di artisti vicini ai temi e al clima espressivo pucciniani, un clima del tutto interno ad una tendenza estetica e stilistica che si può definire di transizione fra tardo-naturalismo, Scapigliatura, Simbolismo e Liberty.

La straordinaria quanto coinvolgente scenografia, opera di Margherita Palli (suo l’allestimento dell’Andrea Chénier che ha aperto, il 7 dicembre scorso, la nuova stagione lirica del Teatro alla Scala), tende a ricreare quel preciso contesto culturale, ricco di fermenti e aperto al cambiamento cui Puccini contribuì in maniera decisiva con le proprie opere.

“Per sogni e per chimere” è realizzata dalla Fondazione Ragghianti in collaborazione con la Fondazione Giacomo Puccini, il Centro studi Giacomo Puccini e la Fondazione Simonetta Puccini per Giacomo Puccini, con il patrocinio della Regione Toscana, della Provincia di Lucca, dei Comuni di Lucca, Viareggio, Massarosa e Pescaglia, e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

Il catalogo, con contributi di Alessandra Belluomini Pucci, Fabio Benzi, Gabriella Biagi Ravenni, Silvestra Bietoletti, Paolo Bolpagni, Giovanna Ginex, Maria Flora Giubilei, Marco Mei, Eleonora Barbara Nomellini, Umberto Sereni, affronta esaurientemente temi quali la musica nelle arti visive tra fine Ottocento e primo Novecento, la ritrattistica pucciniana, casi iconografici di pittura e grafica ispirati alle opere di Puccini, Giacomo Puccini appassionato e committente d’arte, i rapporti di Giacomo Puccini con gli artisti del suo tempo, Giacomo Puccini e i “pittori del lago”, le case di Puccini: decorazioni, opere d’arte, architettura, Giacomo Puccini disegnatore e caricaturista per diletto ed infine Giacomo Puccini nella cultura italiana di primo Novecento.

Comitato scientifico della mostra

Paolo Bolpagni, Alessandra Belluomini Pucci, Fabio Benzi, Gabriella Biagi Ravenni, Silvestra Bietoletti, Glauco Borella, Giovanna Ginex, Michele Girardi, Maria Flora Giubilei, Massimo Marsili, Eleonora Barbara Nomellini, Umberto Sereni

Fondazione Centro Studi sull’Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti

Complesso monumentale di San Micheletto Via San Micheletto 3, Lucca

Orario: dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle 19

Biglietto intero 5 euro. Biglietto ridotto (3 euro)


 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0