Prima Pagina | Lo Sport | Ermanno Pieroni, l’uomo della salvezza dell'Arezzo Calcio: è il momento di fare chiarezza sulla sua posizione

Ermanno Pieroni, l’uomo della salvezza dell'Arezzo Calcio: è il momento di fare chiarezza sulla sua posizione

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Ermanno Pieroni, l’uomo della salvezza dell'Arezzo Calcio: è il momento di fare chiarezza sulla sua posizione

Un paio di sere fa abbiamo saputo, in modo causale, che Ermanno Pieroni non potrebbe ricoprire alcuna carica perché sottoposto ad un provvedimento interdittivo seguito al fallimento dell’Ancona Calcio nel 2004. Incuriosito sono andato a controllare e stando a quello che raccontano le carte, ho scoperto che non è così.

La storia comincia con il fallimento dell’Ancona Calcio S.p.a. di cui alla sentenza del Tribunale di Ancona l’11/08/2004,

1) Il primo grado. Con provvedimento del 06/07/2005 il Procuratore Federale, a seguito del fallimento dell’Ancona Calcio S.p.a, deferiva alla Commissione Disciplinare Pieroni Ermanno, che con decisione pubblicata nel C.U. n. 157 del 18/11/2005 infliggeva la sanzione della preclusione a tempo indeterminato di cui all’art. 21, commi 2 e 3, delle N.O.I.F..

2) L’appello. Con decisione pubblicata, in stralcio, sul C.U. 29/C del 16/01/2006 la C.A.F. dichiarava parzialmente accolto l’appello proposto dal Sig. Pieroni, rideterminando la sanzione inflitta a quest’ultimo nella inibizione per la durata di anni 5 di preclusione dello stesso, ai sensi dell’art. 14, comma 2, C.G.S. 

3) Il commissario straordinario. Con decisione pubblicata sul C.U. n. 45 del 21/12/2006, il Commissario Straordinario, preso atto delle proposta formulata dalla C.A.F., deliberava invece, ai sensi dell’art. 14, comma 2, del C.G.S., la preclusione del Sig. Pieroni alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della F.I.G.C..

4) L’arbitrato. Con l’istanza di arbitrato promossa in data 16 maggio 2007, il Dott. Ermanno Pieroni adiva la Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport del C.O.N.I.

Il Collegio accoglieva la domanda di annullamento del provvedimento del Commissario Straordinario per difetto di motivazione e così sentenziava: “Non è possibile ravvisare, né nella proposta della CAF di preclusione, né nel Provvedimento del Commissario Straordinario, l’accertamento e l’indicazione degli specifici profili di colpa dell’amministratore in carica al momento della dichiarazione di fallimento [dell’Ancona calcio NDR] che giustificano l’adozione del provvedimento a carattere definitivo.

Ne discende l’illegittimità del Provvedimento del Commissario Straordinario che prevedendo la preclusione alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della FIGC non dà atto né di specifici episodi di mala gestio commessi dal Signor Pieroni, nè di specifici profili di colpa che avrebbero giustificato l’adozione di tale misura.

Pertanto, all’unanimità, definitivamente pronunciando nel contraddittorio tra le parti, disattesa ogni ulteriore istanza, eccezione e deduzione: dichiara illegittimo il provvedimento con cui il Commissario Straordinario, preso atto della proposta formulata dalla C.A.F., deliberava, ai sensi dell’art. 14, comma 2, del C.G.S., la preclusione del Sig. Pieroni alla permanenza in qualsiasi rango o categoria della F.I.G.C” (Tra gli allegati a destra di questa colonna la sentenza finale) 

5) Il Tribunale di Ancona. Nell’ambito del procedimento davanti alla giustizia ordinaria, nel 2016 il Tribunale Penale e Civile di Ancona, lo ha ritenuto innocente del reato di essersi appropriato di beni della società fallita, stabilendo pertanto obbligo di restituzione a Pieroni di tutti i beni pignorati e il controvalore (ahilui) di quelli ormai già venduti.  

6) Considerazioni finali. Ermanno Pieroni, sempre che il presidente lo ritenga utile allo sviluppo della società sportiva, può ricoprire qualsiasi incarico sportivo. Non credo che ciò sia importante, forse neppure per Ermanno, tuttavia ho considerato giusto ristabilire la verità giuridica in merito alla sua posizione, a prescindere dalle situazioni particolari o dagli organigrammi interni alla nostra società. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00