Prima Pagina | Cronaca | RESTITUIAMO LE PAROLE AL MONUMENTO ALLA RESISTENZA

RESTITUIAMO LE PAROLE AL MONUMENTO ALLA RESISTENZA

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
RESTITUIAMO LE PAROLE AL MONUMENTO ALLA RESISTENZA

 

Da una parte 50 lettere con i colori dell'arcobaleno attaccate su 50 scatole, per comporre integralmente la frase "Il popolo delle vallate aretine ai caduti per la Resistenza". Dall'altra le parole della poesia "Per i morti della Resistenza" di Giuseppe Ungaretti: "Qui vivono per sempre gli occhi che furono chiusi alla luce perchè tutti li avessero aperti per sempre alla luce."

Le scatole colorate sono comparse questo pomeriggio ai fianchi del monumento al Poggio del Sole di Arezzo, durante un flash mob realizzato da un gruppo di cittadini in vista del 25 aprile. L'azione è stata anticipata da un video postato su youtube, volto a richiamare l'attenzione sul degrado in cui versa il monumento alla Resistenza.Infatti, da troppo tempo la frase apposta sul monumento è priva della maggioranza delle lettere. "Restituiamogli le parole!" è stato lo slogan dell'iniziativa volta a sollecitare le istituzioni a ripristinare per intero la scritta in onore dei caduti.

Le scatole simboleggiano tanti scrigni contenenti la memoria che non va dispersa e con essa la libertà e la democrazia riconquistate grazie alla Resistenza. I colori dell'arcobaleno vogliono ricordare che la Liberazione dal nazifascismo significò anche la fine della guerra e la conquista di quella pace che a tanti popoli oggi è negata. 

Ora si spera che la frase venga al più presto ricomposta, per il decoro del monumento e soprattutto per il dovuto rispetto nei confronti di chi perse la propria vita per un Paese libero e più giusto.


  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0