Prima Pagina | Territori | Il Pievano Don Alessandro e “l’Angelo dell’Apocalisse”

Il Pievano Don Alessandro e “l’Angelo dell’Apocalisse”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il Pievano Don Alessandro e “l’Angelo dell’Apocalisse”

Se c’e’ una festa Patronale a Castiglion Fiorentino cui sono particolarmente legato, se non obbligato, questa e’ la festa di San Vincenzo Ferreri patrono della Pieve di Chio.

 

Ed i motivi sono naturali,  logici e chiari per chi conosce.

In primis

Essendo Ego professium et studiorum ingegnere, non posso che essere riverente a questo Santo del Grande Ordine Mendicante dei Predicatori di San Domenico patrono di tutti i costruttori di case per un eclatante miracolo in cui “ fermò ”  la morte di un muratore.

In secundum

Ritenendomi, per documentata fede chianina, un esperto praticante  di orti e campi non posso che rispettare chi esortato  interrompe siccitta’ e ferma alluvioni come San Vincenzo ha fatto per i contadini spagnoli

In tertium

Nato io in Valiano di Montepulciano, citta’ e contado sotto la protezione della Gran Santa Agnese Segni dell’Ordine Domenicano, non posso che essere culturalmente e fideisticamente  attento allo storia di questo Grande Ordine Mendicante.

In quartum

La festa di San Vincenzo alla Pieve di Chio e’ una festa, tra le poche,  in cui, da quando e’ stato insediato Pievano  Don Alessandro Bivignani, vengono rispettate e mantenute, nella forma e nel rituale, tutte le tradizioni delle feste patronali delle parrocchie di campagna.

Infatti ben poche sono le feste oggi che iniziano la sera prima con l’accensione dei fuochi in onore del Patrono; ma questo alla Pieve avviene con un gran foco di fascine che illumina e segnala,con le alte fiamme a tutta la valle l’avvento della festa al pari, come ha spiegato il Pievano Alessandro, di quanto avviene per la vigilia della Pasqua in cui la veglia inizia con l’accensione del fuoco.

Il foco c’e’ stato ed e’ stato “PROPRIO UN BEL FOCO” come ha commentato soddisfatto il Pievano nel pieno dello scintillamento dell’apocalittico falò.

Nel giorno della messa mattutina, per antica tradizione dei Santi protettori delle campagne, si e’ proceduto, alla benedizione delle croci e delle frasche portate dai contadini hanno e che gli stessi metteranno nei campi ed orti entro il 3 maggio per protezione ed auspicio di buoni raccolti.

In questi tempi secolarizzati, dove nei campi si e’ perso persino il rispetto per il calendario lunario e si ha nel contempo fede solo in indefiniti concimi inodori e le piu’ artificiali sementi, questo remoto richiamo alla fiducia della fede nei santi ed alle tradizioni che si vanno perdendo ritengo sia opportuno, auspicabile e soprattutto da estendere, anche a costo di editto vescovile, a tutte le parrocchie di campagna per gli evidenti  riflessi educativi e l’enormita’ simbolica che rappresenta.

Nel pomeriggio domenicale la messa solenne ha visto la predicazione del Chierico Secolare Mons. Giovanni Zanchi che nell’abbondante  ora di orazione ha fatto una efficace dissertazione sul senso dei miracoli e sulla figura del Santo Predicatore in quel tempo probabilmente il piu’ illustre “Domini-Canes” nel senso figurativo di come, nel superbo Cappellone degli Spagnoli in Santa Maria Novella a Firenze, in un celebre affresco,  il Bonaiuti abbia raffigurato i componenti di questo ordine di predicatori autentici come cani da caccia delle eresie e menzogne teologiche.

E la storiografia di  San Vincenzo non si distacca certamente da tale definizione.

Avendo ben presente la predica fatta due anni addietro in tale chiesa dal severo e dotto domenicano Frà Giovanni Serrotti  devo dire che il Secolare Mons. Zanchi si e’ ben comportato come sermoniante  considerando che e’ riuscito con la sua serena voce a trattare temi che hanno catturato l’attenzione continua dei fedeli.

E soprattutto,  leggendo una lettera di San Vincenzo al suo superiore, in cui esso constatava l’inadeguatezza del Clero Secolare dell’epoca, e di fatto esaltava la superiorita’  ed evangelizzante dei componenti dell’Ordine Domenicano,  Mons Zanchi  si e’ inchinato anch’esso con reverenza alle capacita’ teologiche e di predicazione di un Ordine i cui componenti storicamente si pongono sopra il Clero Secolare per formazione ed esempio.

Su tale predica devo pero’ rilevare, essendo il sottoscritto attento conoscitore di questo Ordine Mendicante che vorrei ricordare ha visto tra le sue fila grandi ed eccelsi filosofi, teologi, giudici inquisitori, consiglieri politici,  predicatori, artisti tra cui non mi esimio di citare ai lettori estranei a questi argomenti Fra’ Tommaso D’Aquino, Fra’ Giordano Bruno, Santa Caterina Benincasa, Fra’ Tommaso Campanella, Santa Agnese Segni, Fra’ Girolamo Savonarola. Frà  Beato Angelico e lo stesso San Vincenzo che per i suoi infuocati sermoni era conosciuto come “L’Angelo dell’Apocalisse” che secondo il mio parere il merito piu’ grande che ha avuto Frà Vincenzo Ferrer per meritarsi la beatificazione dal tribunale e’ stato per aver contribuito a risolvere diplomaticamente lo Scisma Occidentale.

E questo ha contribuito,  probabilmente piu’ dei suoi tanti (ben 80 certificati) miracoli, tra cui quello del muratore sospeso che probabilmente come ricostruzione scenografica dell’evento va’ interpretato e riportato nella storicizzazione temporale per ricostruire un piu’ realistico svolgimento.

Concetto questo su cui anche lo storico castiglionese Dott. Antongilio Banelli, autore del servizio fotografico, si e’ trovato d’accordo dopo un acceso, corposo ed erudito dibattito con il sottoscritto.

LA FESTA si e’ poi conclusa, come in uso nelle parrocchie di campagna, con una benefica merenda

Dove i parrocchiani niente hanno fatto mancare Tutto e’ stato bevuto mangiato e finito. E solo le offerte son rimaste integre.

 

https://www.youtube.com/watch?v=njsJQ95RSik

 

 

 

 

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0