Prima Pagina | Politica società diritti | Fratelli d'Italia Arezzo: in assemblea ATO si scatena una indegna bagarre a targa PD sui crediti TIA.

Fratelli d'Italia Arezzo: in assemblea ATO si scatena una indegna bagarre a targa PD sui crediti TIA.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Fratelli d'Italia Arezzo: in assemblea ATO si scatena una indegna bagarre a targa PD sui crediti TIA.
 
 
Fratelli d'Italia denuncia come oggi a Siena in Assemblea ATO vi sia stata una indegna bagarre. 
Il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, anche presidente dell’assise che regola e controlla il sistema dei rifiuti della Toscana meridionale, ha dovuto assistere alla conclusione anticipata dell’assemblea per mancanza di numero legale.
Si doveva discutere il Programma delle attività 2018 e il Piano della Performance, ma dopo numerosi emendamenti proposti dallo stesso rappresentante del comune di Terranuova, al momento di votare la delibera nel suo complesso, il rappresentante del comune, sede della discarica di Podere Rota, ha abbandonato l’aula facendo venire meno il numero legale. 
L’argomento era scottante: i crediti TIA. 
Poco prima era stata approvata a maggioranza una delibera di ricognizione della reale volontà assembleare circa il ribaltamento in tariffa dei crediti TIA. 
Nel 2013 infatti l’allora Direttore Generale aveva sottoscritto l’atto aggiuntivo al contratto con SEI Toscana che prevede il trasferimento in tariffa, quindi a carico dei cittadini, circa 13 milioni di euro derivanti da mancati incassi delle vecchie società di gestione, dando per approvata in tal senso una delibera assembleare del dicembre dello stesso anno. La delibera in questione non conteneva nessuna indicazione al proposito. L’odierna delibera ha riportato l’effettiva volontà dei sindaci sul tema, tuttavia approvata a maggioranza, con l’astensione di numerosi sindaci, tutti di area PD. 
Sembra proprio che i crediti TIA debbano essere il pomo della discordia tra chi proprio non li vorrebbe caricare sui cittadini e coloro che invece sembrano del tutto indifferenti all’argomento.
Visto il comportamento tenuto, appare indubbio che i sindaci del PD non siano dalla parte dei cittadini e lavorino per la controparte che deve dei soldi ai cittadini, ovvero per il sistema SEI, che tanto duramente è stato colpito dalla Magistratura. 
I Sindaci del PD stanno lavorando per ribaltare in tariffa altri costi che dovrebbe sopportare il gestore. Dopo avere nominato un nuovo dg di ato che doveva sistemare lo scempio precedente, i sindaci del PD, di fatto, lo sfiduciano bocciando le sue proposte che potrebbero riportare giustizia ed equità.
Per Fratelli d'Italia sono evidenti i rapporti poco chiari ed obliqui di alcuni sindaci del PD che non indendono distaccarsi dal sistema SEI e dalle sue dinamiche. I cittadini di tutta la Toscana Meridionale devono sapere quanto accade e dare il loro voto a chi, come Fratelli d'Italia intende tutelarne gli interessi.
 
Direttivo Provinciale Fratelli d'Italia Arezzo
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0