Prima Pagina | Politica società diritti | ESPONENTE DEL COMITATO ACQUA PUBBLICA ASSOLTO DALL'ACCUSA DI AVER DIFFAMATO NUOVE ACQUE : “IL FATTO NON SUSSISTE”.

ESPONENTE DEL COMITATO ACQUA PUBBLICA ASSOLTO DALL'ACCUSA DI AVER DIFFAMATO NUOVE ACQUE : “IL FATTO NON SUSSISTE”.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
ESPONENTE DEL COMITATO ACQUA PUBBLICA  ASSOLTO DALL'ACCUSA DI AVER DIFFAMATO NUOVE ACQUE : “IL FATTO NON SUSSISTE”.

 

Apprendiamo con  soddisfazione che  il 12 dicembre scorso il Giudice Monocratico del Tribunale di Perugia, Dr. Narducci,  ha definitivamente assolto  Emilio Fiorini , storico componente  del Comitato Acqua Pubblica , dal reato di diffamazione a mezzo stampa per il quale era chiamato a rispondere a seguito della querela sporta nel febbraio 2012 dallo Stato Maggiore di Nuove Acque , guidato dall' AD francese  Jerome Douziech , per il contenuto di un articolo di stampa scritto da Fiorini fortemente critico nei confronti degli amministratori pubblici , dei sindacati, delle banche e delle politiche tariffario-finanziarie portate avanti dal management della società di gestione del servizio idrico ,allora presieduta dall'ex Sindaco di Arezzo  Prof. Dott. Paolo Ricci.

L'assoluzione con formula piena  “perchè il fatto non sussiste”  mette finalmente la parola fine ad una vicenda che si trascinava  da anni per aule di Tribunale, con gran dispendio di tempo e di denaro per viaggi e patrocinii legali ,  seppure fosse stata originata da una denuncia rivelatasi del tutto inconsistente .

Viene naturale chiedersi come possa il CdA di una azienda a prevalente capitale pubblico autorizzare in simili casi il ricorso alle vie legali  che poi , come è ovvio che sia,  producono  ricadute in termini negativi  per le casse aziendali.

Meglio sarebbe sopportare le critiche anche pungenti , confutarle se ce n'è motivo, ma evitare il ricorso a  quell' odioso  “ti querelo!”  che molto spesso denota la voglia sottesa di tacitare  le voci scomode.

Ancora una volta chiediamo, come  per le sanzioni comminate a suo tempo a Nuove Acque dall' Autorità nazionale competente in materia di servizi idrici , così come per le spese legali che la società ha dovuto risarcire agli utenti per le numerose cause civili perse, che tali  costi non vengano fatti ricadere sulle spalle dei cittadini-utenti  ma li  paghino di tasca loro i maggiorenti  della Società.

 

Arezzo, 24 febbraio 2018                             Comitato Acqua Pubblica Arezzo

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0