Prima Pagina | Cronaca | Neve e vento, 'codice giallo' prorogato su tutta la Toscana. Stop ai Tir sulle strade ordinarie ma anche in A1.

Neve e vento, 'codice giallo' prorogato su tutta la Toscana. Stop ai Tir sulle strade ordinarie ma anche in A1.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Neve e vento, 'codice giallo' prorogato su tutta la Toscana. Stop ai Tir sulle strade ordinarie ma anche in A1.

Abbondanti nevicate in Appennino. La Protezione civile regionale ha riprogrammato "il codice giallo emesso nei giorni precedenti per vento fino alle 20 di lunedì 26 febbraio, e per neve - solo per le zone appenniniche e meridionali - fino alle 24 sempre di lunedì 26".

In Toscana, spiega una nota, "sono previsti accumuli di neve generalmente inferiori ai 2 cm in pianura, possibili su tutta la regione; fino a 10 cm nelle zone collinari e anche fino a 20-25 cm a quote di montagna. Per lunedì 26 febbraio, neve a bassa quota su Appennino (versanti emiliano-romagnoli) e sull'Amiata". Inoltre, "previsti venti di Grecale su tutta la Toscana, anche con raffiche localmente forti fino a 80-90 km/h sull'Appennino.

La Sala operativa della Protezione civile ricorda che "aria molto fredda di origine siberiana affluisce sulla nostra penisola con possibili episodi di neve debole in pianura nella giornata di oggi. Continuano quindi anche in Toscana le condizioni favorevoli a nevicate sparse fino a bassa quota, più frequenti sull'Appennino e sulle zone centrali e meridionali della regione: tendenza ad attenuazione dei fenomeni dalla sera".

Per l'emergenza freddo, in tutta Italia le strutture di accoglienza della Caritas sono state allertate per accogliere i senza fissa dimora. "Massima attenzione viene data ad intercettare alle mense o nelle parrocchie chi non ha un posto dove passare la notte - precisa la stessa nota della Caritas -, e indirizzarlo verso luoghi accoglienti e al riparo delle basse temperature soprattutto delle prossime ore".

Ed è allerta anche per la circolazione: le nevicate potranno interessare oltre 1.500 chilometri di tratte autostradali in diverse regioni: la Società autostrade ha già attivato il piano anti neve.

Chiuse Calla e Mandrioli, a rischio il Verghereto.

Dalle 22 scatta invece l’ordinanza del prefetto di Arezzo che vieta la circolazione dei mezzi pesanti di peso superiore a 7,5 tonnellate sull’intera viabilità della provincia, autostrada compresa. L’ordinanza è valida fino a quando non saranno finite le attuali condizioni metereologiche. Esclusi i mezzi che trasportano derrate alimentari deperibili. Con chiusura dalle 22 a questi mezzi dei caselli autostradali.

A Cortona, chiusura delle scuole per domani. Chiuse anche in quasi tutta la Valdichiana con l'eccezione di Monte San Savino e di Civitella.  Chiuse anche a Poppi e a Badia Prataglia, Badia Tedalda e Sestino. Aperte sia ad Arezzo che a Sansepolcro.

In ultimo, facendo un rapido giro attorno alla città intorno alle 22, si può notare che si sta formando la prima lastra di ghiaccio per la quasi totale assenza di sale e per il forte vento che ha interessato tutta l'Italia, che ha provveduto a spazzare quello gettato preventivamente. 

PIANO NEVE DELLA PROVINCIA PIENAMENTE OPERATIVO

“Grande impegno di uomini e mezzi”, afferma il consigliere provinciale delegato Gabriele Corei

Piena operatività del piano neve della Provincia, che ha attivato tutti i suoi uomini e mezzi in queste ore per garantire la percorribilità delle strade di propria competenza. Il piano, che ha potuto contare anche su una nuova turbina in dotazione da quest'anno e in funzione in Casentino e Valtiberina, ha consentito la circolazione in quasi tutta la rete viaria, ad eccezione dei passi dei Mandrioli, chiuso nel versante romagnolo e comunque percorribile fino a Badia Prataglia, e del passo della Calla, mentre sulla Marecchiese è sempre stata garantita una viabilità alternativa ai tratti momentaneamente chiusi. “Nel garantire che questo grande impegno proseguirà anche nei prossimi giorni, voglio comunque già ringraziare tutto il nostro personale che sta garantendo il suo impegno incessante per consentire la sicurezza di chi si mette in viaggio”, commenta il consigliere provinciale delegato alla viabilità Gabriele Corei.


 

 
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0