Prima Pagina | Politica società diritti | CasaPound consegna pasta alla Casa Pia: reazioni politiche sconcertate

CasaPound consegna pasta alla Casa Pia: reazioni politiche sconcertate

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
CasaPound consegna pasta alla Casa Pia: reazioni politiche sconcertate

 

Questo il comunicato di Casapound

Questa mattina CasaPound Italia ha consegnato 60 kg di pasta alla Casa Pia di Arezzo. "Un piccolo gesto per mostrare la nostra vicinanza agli anziani della nostra città – spiega Francesco Campa, responsabile cittadino di CasaPound – nient’altro che un piccolo pensiero, un atto simbolico in un momento in cui molti politici sono preoccupati a parlare del nulla in campagna elettorale, tra dichiarazioni di principio e promesse che non manterranno. Un gesto che per noi però non è e non rimarrà isolato, ma è legato alla nostra quotidiana attività di raccolta alimentare per le famiglie italiane in difficoltà economica".

"Ringraziamo il presidente della Casa Pia Maria Paola Petruccioli per l'accoglienza e per averci mostrato nel dettaglio le attività svolte per i circa 80 ospiti - prosegue Campa - si tratta di una struttura che svolge per la nostra città un lavoro esemplare".

"I sorrisi dei nostri anziani sono forse lo sprone più forte che ognuno di noi può ricevere - conclude Campa - per ricordarci chi siamo e chi ci ha dato la possibilità di combattere oggi per la nostra Nazione. Il futuro migliore è scritto in quei sorrisi". 

Dichiarazione di Fabio Diana, ex presidente Asp Fossombroni e cittadino

Ho appreso con sorpresa e dispiacere che una forza politica, a prescindere da chi sia, ha pensato di andare a fare campagna elettorale nella Casa Pia, regalando pacchi di pasta agli anziani ospiti.

Una cosa che nella precedente amministrazione era stata pensata e evitata perché le persone che sono lì ospiti sono in qualche modo persone fragili.

La casa di riposo è sempre stata aperta a qualsiasi cittadino a titolo privato o a cariche istituzionali, nell'esercizio delle proprie funzioni, ma era stata presa la decisione di non esporre le persone a invasioni di natura elettoralistica. Con quello che è accaduto questa mattina vediamo invece il concetto di rispetto delle persone fragili del centrodestra.

Nel merito di quanto accaduto, persone di Casapound, come novelli cultori delle politiche sociali, sono andati all'interno della casa di riposo che va avanti con soldi pubblici e rette delle persone ospitate, non sapendo che c'è una giornata alimentare che fornisce colazioni, pranzi e cene, merende, the e biscotti, fornite da aziende autorizzate, secondo capitolati precisi. Regalare pacchi di pasta significa di essere ignoranti, nel senso di ignorare e dimostra il modello di tutta la destra che prevede che il sociale si fa con l'elemosina e non con i diritti.

Secondo me, bisogna ricordare ai novelli misericordiosi, che dentro una struttura di quel tipo i cibi e le materie prime devono seguire procedure di legge, in un processo di controllo della filiera secondo il protocollo hccp, che non permette alla cucina di usare quella pasta che arriva da una filiera che non è controllabile. Gli anziani, quella pasta, se la mangeranno cruda o nel the?

La questione è grave per il mancato rispetto di persone e di strutture di quel tipo che non hanno bisogno di exploit elettoralistici ed è la dimostrazione che politiche sociali e destra sono lontani mille miglia.

Infine, mi dispiace, che tutto sia avvenuto con il placet di chi oggi amministra questa struttura che dimostra lo stesso grado di sensibilità di chi è andato in visita. 

PD e Arezzo In Comune: “Imbarazzante sceneggiata elettorale di CasaPound alla Casa Pia di Arezzo”

Apprendiamo dai social che CasaPound Italia ha visitato la Casa Pia di Arezzo e, a favore di telecamera e smartphone, ha donato pacchi di pasta per la struttura. Quello che è successo è davvero imbarazzante per due motivi. In primo luogo la carità è un atto privato e la nostra città ne è un esempio. Non si fa con i comunicati stampa, soprattutto in piena campagna elettorale. 

Sostituire la politica con i pacchi di pasta e’ stata una consuetudine nella storia e di solito era uso di chi non aveva niente di buono da proporre. 

In secondo luogo la Casa Pia e’ una struttura pubblica e va tenuta lontana dalle strumentalizzazioni politiche, per di più se costruire sulla pelle delle persone più deboli. 

Questa azione non può passare sotto silenzio: convocheremo la commissione garanzia del Comune di Arezzo per verificare l’accaduto , convocando anche l'Assessore al Sociale, Lucia Tanti, che dovrà darci delle spiegazioni.

Inoltre chiediamo al Sindaco di scusarsi con gli ospiti della struttura per l’accaduto che ha trascinato una struttura importante della città in uno strumento di becera compagna elettorale.

CasaPound: "La vergognosa strumentalizzazione politica del Pd e della senatrice Mattesini sulla Casa Pia"

La vergognosa strumentalizzazione politica sulla Casa Pia è tutta della sinistra aretina. "La senatrice del Pd Donella Mattesini ha annunciato sul proprio profilo Facebook addirittura un'interrogazione parlamentare. Evidentemente secondo la senatrice chi accetta la donazione di 60 kg di pasta è da condannare", afferma il coordinatore regionale di CasaPound Eugenio Palazzini.
"Capiamo che secondo gli esponenti del Pd e della sinistra la solidarietà si dovrebbe fermare durante la campagna elettorale - dice Palazzini - avrebbero almeno un mese di tempo per raccontare frottole ai cittadini italiani su ciò che vorrebbero fare e poi puntualmente non fanno".
"Purtroppo siamo costretti a leggere comunicati imbarazzanti, sia a livello contenutistico che grammaticale.
'Significa di essere ignoranti', come scrive Fabio Diana, ex presidente dell'Asp Fossombroni. Peccato che il verbo significare è transitivo, quindi l'azione si espande su un oggetto diretto. Caro Diana, questo significa essere ignoranti", prosegue Palazzini.

"Precisiamo poi alla senatrice Mattesini che il presidente della Casa Pia non ha fatto altro che accettare la nostra donazione e le foto a riguardo le abbiamo pubblicate noi - conclude il coordinatore di CasaPoubd - Domandi a noi, quindi, come mai abbiamo scelto di donare un sorriso agli anziani di una Casa di Riposo, invece di chiedere le dimissioni del cda pur di fare campagna elettorale da quattro soldi. Saremo lieti di accompagnare in futuro la senatrice Mattesini alla Misericordia di Castiglion Fiorentino a cui ogni anno devolviamo il ricavato della nostra lotteria dell'Epifania, all'ospedale San Donato dove ogni anno il nostro gruppo studentesco porta le calze della Befana ai bambini ricoverati in pediatria, dalle famiglie italiane che ricevono da CasaPound pacchi alimentari ogni mese e dalle popolazioni colpite dal terremoto a cui CasaPound ha portato da subito generi di prima necessità. Saremo ben felici di accompagnare la senatrice del Pd anche in Birmania e in Siria, dove da anni portiamo aiuti nonostante la guerra e le sanzioni internazionali. Può venire con noi, oppure può andarci da sola, da tutti loro. E dirgli in faccia che si tratta di strumentalizzazione politica. La accoglieranno a braccia aperte".

PD: “CasaPound vile e senza scrupoli”

Il problema non è la donazione, CasaPound fa finta di non capire. Tante associazioni, tantissimi iscritti al PD fanno beneficienza a enti di alto valore sociale sia in Italia che nel mondo. Nessuno però si permette di farsi fotografare e farci un comunicato stampa. CasaPound ha strumentalizzato la fragilità, la difficoltà solo per un mero calcolo elettorale ed e’ l’atto più vile per chi fa politica. Una vigliaccheria in piena regola.

A questo si aggiungono le responsabilità di chi ha permesso questo scempio in una struttura pubblica che denunceremo nelle opportune sedi. 

La politica si fa con le proposte e le scelte: in questi anni di governo il Partito Democratico ha promosso la legge sul “dopo di noi” che introduce il sostegno e l’assistenza alle persone con disabilità gravi dopo la morte dei parenti che li accudiscono. Senza le scorciatoie fatte di foto, sorrisi e tanta retorica.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0