Prima Pagina | Politica società diritti | Tribunale fallimentare Arezzo: Nencini-Donati, la sede rimarrà in città. Nessun rischio accorpamento

Tribunale fallimentare Arezzo: Nencini-Donati, la sede rimarrà in città. Nessun rischio accorpamento

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Tribunale fallimentare Arezzo: Nencini-Donati, la sede rimarrà in città. Nessun rischio accorpamento



“Arezzo non corre nessun rischio di perdere il  Tribunale fallimentare”. Ne danno notizia il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini, candidato nel collegio uninominale del Senato Arezzo e Siena e Marco Donati, candidato nel collegio uninominale della Camera ad Arezzo, nel corso di un convegno organizzato insieme al sottosegretario alla Giustizia, Cosimo Ferri, in relazione alle indiscrezioni degli ultimi giorni che paventavano l’ipotesi della chiusura e dell’accorpamento del Tribunale fallimentare di Arezzo, in applicazione della legge delega sul riordino dei tribunali fallimentari. Ferri ha aggiunto: “Rassicuro la città sulla questione del Tribunale fallimentare”. “Ipotesi scongiurata”- fanno sapere Nencini e Donati. “Una città così importante come Arezzo, tra le maggiori in Toscana per numero di aziende, con un fatturato economico importantissimo - aggiungono nella nota - non rischierà di perdere la sede del Tribunale. Sarebbe stato un danno pesantissimo all’economia aretina, con  il rischio di marginalizzare la città e creare disagi e lungaggini burocratiche alle imprese e agli operatori. Oggi abbiamo avuto rassicurazioni: Il Tribunale rimarrà ad Arezzo”- concludono Nencini e Donati.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0