Prima Pagina | L'opinione | DOPO IL 4 MARZO

DOPO IL 4 MARZO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
DOPO IL 4 MARZO
Dopo la sentenza della Consulta arriva la nuova legge elettorale.
Mentre per tutti la parola d'ordine era governabilità, la legge introdotta provocherà esattamente il contrario.
 
Non vincerà nessuno e lo scaltro Berlusconi già dice che ritorneremo a votare.
Renzi dal canto suo, dice che non governerà mai con gli estremisti.
Berlusconi non mi sembra un estremista e il rischio inciucio è pertanto reale.
 
Se vincono i 5 stelle, ma senza maggioranza, dicono che accetteranno l'incarico da Mattarella, presentandosi quindi alle Camere con il loro programma e proporlo a tutti.
 
In realtà i 5 stelle, con Grillo defilato, con i loro problemi di restituzioni e con l'inadatto Di Maio, non sfonderanno e si scioglieranno come neve al sole.
Stessa sorte per Forza Italia, con Berlusconi invecchiato e scarico.
Salvini invece avrà molti voti ma non basteranno.
 
Escludendo l'inciucio PD e FI si dovrà inevitabilmente tornare alle urne.
 
E allora Salvini, Meloni e la destra radicale tutta dovrebbero allearsi, scaricare Berlusconi, formare un blocco unico, attendere la lenta ma inesorabile fine dei 5 stelle e contrapporsi all'altro blocco unico del PD e satelliti della sinistra che si dovranno compattare obbligatoriamente.
 
Due fronti contrapposti come nelle migliori democrazie.
Dopo il 4 marzo.
 
 
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0