Prima Pagina | Politica società diritti | Fratelli d'Italia. Lucacci: Ceccarelli dovrebbe occuparsi del casentino e sognare meno Roma. Il punto sul voto dell'AIT

Fratelli d'Italia. Lucacci: Ceccarelli dovrebbe occuparsi del casentino e sognare meno Roma. Il punto sul voto dell'AIT

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Fratelli d'Italia. Lucacci: Ceccarelli dovrebbe occuparsi del casentino e sognare meno Roma. Il punto sul voto dell'AIT

 

Fratelli d'Italia Arezzo, tramite il proprio Presidente Provinciale Lucacci, intende sollecitare l'assessore Ceccarelli a tener in considerazione l'allarme di Bernardini della Baraclit. "Appare stupefacente come Ceccarelli, prima sindaco di Castel San Niccolo', poi presidente Provinciale ed adesso assessore regionale sia cosi' lento nell'affrontare di petto I problemi infrastrutturali del casentino." Continua Lucacci, "Le aziende del territorio soffrono e l'allarme lanciato da Baraclit e' stato anche condiviso dalla CGIL: sono gli stessi lavoratori a percepire le difficolta'. Sarebbe il caso che chi ricopre ruoli delicati di sindaco o assessore si dedicasse ad essi invece di usare tali incarichi come trampolino per uno scranno a Roma, camera, senato o CSM che sia".

ACQUA, FDI: "DA PD E 5 STELLE PROROGA-REGALO AI FRANCESI: AZZERARE CDA"

Donzelli e Lucacci: "Esigenze del territorio scavalcate dalle trame di palazzo: altro che pubblico, così si favoriscono i privati"
 
"La proroga della concessione idrica per Nuove Acque è una scelta anti-italiana e anti-toscana che rappresenta un vero e proprio regalo della Conferenza dei sindaci ai francesi. Una decisione di palazzo con la regia del Partito democratico di cui a subire le conseguenze saranno i cittadini, nonostante che i comuni che rappresentano la maggioranza della popolazione del territorio, Arezzo in testa, si fossero espressi in modo contrario. I sindaci del Movimento 5 Stelle Nogarin e De Pasquale, a cui piace riempirsi la bocca con la ripubblicizzazione dell'acqua, non hanno votato favorendo, nei fatti, l'approvazione della proroga e tutelando gli interessi privati di Acea". E' quanto affermano il capogruppo di Fratelli d'Italia in Consiglio regionale della Toscana Giovanni Donzelli e il portavoce provinciale aretino del partito Francesco Lucacci.
 
"I membri del Cda di Nuove Acque, con il Presidente Nannini in testa, si devono dimettere per consentire ai sindaci di trovare un'intesa espressione della volontà del territorio - sottolineano - dimenticando le cupe e cervellotiche dinamiche del Pd, i cui sindaci in sede di Autorità idrica hanno preso una decisione assurda. Fratelli d'Italia si rivolgerà in tutte le sedi istituzionali e non, per tutelare gli interessi dei cittadini e delle pubbliche amministrazioni da quello che è una trama che favorisce i poteri forti. Se questa è la strada verso l'ente unico di gestione dei servizi, oggi siamo convinti una volta di più che sia quella sbagliata - concludono Donzelli e Lucacci - la soluzione è dare più spazio ai comuni e alla volontà dei cittadini".
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0