Prima Pagina | Eventi e spettacoli | Il tenue filo della speranza, diventato ieri una fune, presto diverrà una solida catena. Almeno così speriamo tutti

Il tenue filo della speranza, diventato ieri una fune, presto diverrà una solida catena. Almeno così speriamo tutti

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il tenue filo della speranza, diventato ieri una fune, presto diverrà una solida catena. Almeno così speriamo tutti

Il tempo delle polemiche è quasi finito. Marco Matteoni acquisterà l’US Arezzo il 3 gennaio e non sarà piu’ un presidente di rappresentanza, ma il padrone del calcio aretino. L’accoppiata Matteoni/Pavanel, potrebbe schiudere la società ad orizzonti fin qui nemmeno sperati.

 

Mi piace immaginare che alla fine sarà stato il caso o la buonasorte che avranno deciso di sorridere alla US Arezzo, ma la realtà è che la compagine societaria che si sta per costruire in queste ore, è forse la piu’ robusta e solida che si sia mai vista al comunale. '

L'Unione Sportiva Arezzo convoca la conferenza di presentazione del nuovo assetto societario per mercoledì 3 gennaio 2018 alle ore 15 presso la sala stampa dello stadio "Città di Arezzo", alla presenza del presidente amaranto Marco Matteoni.

Poche righe sul sito web del club amaranto per annunciare la svolta dietro l'angolo, rinviata in termini ufficiali soltanto di qualche giorno. Il rogito notarile per il passaggio di proprietà da Neos Solution alla Matteoni Group è stato redatto in giornata, ma la società consortile ha chiesto (e ottenuto) i tempi tecnici per studiarlo, approvarlo e firmarlo.

''Nessuna ansia da parte mia, anzi - ha detto Marco Matteoni. - Sono sollevato perché finalmente potrò decidere con la mia testa su cosa fare dell'Arezzo e per l'Arezzo. La controparte mi ha fatto presente che serviva un minimo di disponibilità per verificare le carte del rogito e ho cortesemente acconsentito. Mercoledì mattina abbiamo fissato per le 10 l'appuntamento del notaio: appena messo nero su bianco, salgo in macchina e vengo allo stadio per la conferenza stampa''.

Il presidente domani sarà comunque alla partita: ''Spero di vincere, di trovare un clima più disteso e una bella partecipazione da parte del pubblico. Ai tifosi dico solo: ricordatevi di me''.

Il presidente Matteoni è considerato una personalità imprenditoriale di prestigio, unita ad un carattere forte che ci ha mostrato anche essere sanguigno. Non sappiamo come si sia creata la condizione giusta per arrivare a questa soluzione, sia essa stata il frutto di una catena di errori, di incomprensioni, di dietrologie, di malafede… non ci deve piu’ riguardare.

Adesso conta il futuro. Adesso è il momento di far sentire forte l’attaccamento alla squadra, inondando il comunale di ottimismo.

Questa mattina l'allenatore ha spiegato che... ''Da gennaio in poi ci aspetta un altro campionato, con una penalizzazione consistente che ci obbligherà a lottare per la salvezza. E non crediate che sia facile rimontare: bisognerà combattere battaglie durissime. Io sono pronto e al mio fianco voglio venti guerrieri, armati di coraggio e convinzione. Non so chi resterà, chi andrà via e chi arriverà: chi sposerà la causa, però, dovrà farlo senza musi lunghi''.

La stessa convinzione credo dovrà riempire il cuore dei tifosi. Il tempo delle polemiche societarie è quasi finito. Adesso pensiamo a veder correre la palla, sospinta dai colori amaranto e che la parola torni finalmente ai veri cronisti sportivi, quelli che sanno farci sognare raccontandoci moduli di gioco, tattiche, formazioni e stile dello sport piu' bello del mondo, mentre noi polemisti da due soldi, torneremo finalmente ad occuparci dei problemi del giorno. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0