Prima Pagina | Politica società diritti | Il nuovo regolamento urbanistico: l'ordine degli architetti offre alcune riflessioni

Il nuovo regolamento urbanistico: l'ordine degli architetti offre alcune riflessioni

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il nuovo regolamento urbanistico: l'ordine degli architetti offre alcune riflessioni

L’Ordine degli Architetti PPC di Arezzo, in occasione della revisione e aggiornamento del Piano Strutturale e del Regolamento urbanistico da parte dell’Amministrazione Comunale, coglie l'opportunità per sollecitare riflessioni e discussioni aperte, ritenendosi soggetto qualificato ad offrire contributi su pianificazione e trasformazione del territorio.

 

L’attuale momento deve divenire occasione di confronto costruttivo con tutte le componenti della vita sociale ed economica, affinché l'Amministrazione Comunale possa trarre elementi e criteri significativi per il governo del territorio.

Gli Architetti individuano alcuni temi che ritengono essenziali.

Nel Merito:

  • Idea di città e  suo disegno futuro
  • Prevalenza del progetto e del disegno urbano rispetto alla normativa
  • Programmazione di interventi pubblici e privati
  • Centralità del riuso e della rigenerazione urbana

Nel metodo:

  • Bando per l’individuazione dell’estensore del PS e PO, senza disperdere le valenze professionali del territorio,  convergendo sulla figura di un Architetto, non solo autorevole per curriculum ma anche intellettualmente adeguata alla nostra cultura urbana e paesaggistica, per coniugare le istanze dei cittadini e dei gruppi di interesse della città con le scelte e le ambizioni dell’amministrazione;
  • Istituzione di un Ufficio di Piano, anche ai fini della futura gestione degli atti di governo del territorio,
  • Nuovo strumento urbanistico che definisca una visione urbana/modello di città per la crescita e lo sviluppo futuro della comunità;
  • Semplicità di impostazione, di lettura e facilità di attuazione, affinché possa essere flessibile e sincrono ai veloci cambiamenti sociali ed economici che necessariamente interagiscono col tessuto urbano.
  • Normative chiare e semplici che non necessitino di interpretazioni, sempre discrezionali, con la finalità di agevolare le procedure amministrative e la loro semplificazione.
  • Promozione dell’architettura attraverso i concorsi di idee e di progettazione.

ln questa logica l'Ordine APPC di Arezzo intende partecipare e promuovere l’indispensabile processo di condivisione di conoscenze, utile alla collettività, raccogliendo ed elaborando idee per definire il modello di Città Prossima e Futura.

 

 

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0