Prima Pagina | Territori | Rifiutare il pranzo ai bambini morosi e' una scusa ipocrita. Ecco il vero "buco" non quello dei 25 bambini

Rifiutare il pranzo ai bambini morosi e' una scusa ipocrita. Ecco il vero "buco" non quello dei 25 bambini

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Rifiutare il pranzo ai bambini morosi e' una scusa ipocrita. Ecco il vero "buco" non quello dei 25 bambini

 

Abbiamo assistito in questi giorni alle passerelle sulla pelle di 25 bambini delle nostre scuole dell'infanzia.
Le loro famiglie hanno collassato con un "buco" il bilancio del comune e la "sindaca con le palle, inflessibile" li ha messi a pane ed olio recuperando il buco. Questa è la tesi del sindaco Chiassai Martini.
Orbene siccome Noi siamo conosciuti "rompicoglioni" e non sopportiamo gli ipocriti che la domenica vengono definiti in qualche libro sacro come "sepolcri imbiancati", siamo voluti andare a fondo.
Abbiamo chiesto agli uffici del Comune, cui abbiamo massima fiducia e che ringraziamo per il loro grande e quotidiano lavoro in questo "mare di ipocrisia e propaganda".
Orbene questi sono i fatti.
Le famiglie che non hanno pagato la mensa sono state circa 25.
Il Comune ha disposto di privarli del pranzo e dargli pane ed olio in una prima fase in una stanza a parte per ragioni igieniche; ancora meno dignitoso sarebbe stato farli mangiare accanto al compagno che mangiava lasagne al sugo dicendogli che a Lui non potevano essere date in quanto i genitori erano morosi.
Dopo i solleciti e le messe in mora gli altri hanno pagato gli arretrati e il prepagato di quest'anno.
Il "buco" della Sindaca era che circa il 7% ed alcune famiglie erano morosi nei cinque anni passati. La sindaca ha sommato i cinque anni pregressi della mensa e dei trasporti e ha lanciato sui giornali che vi era il buco. In cinque anni su un fatturato di circa 700/800 mila euro annuo vi erano morosi per circa 60,000 euro annui percentuale ordinaria per ogni comune della toscana.
Orbene, giusto che tutti debbano pagare, e quindi bastava formalizzare azioni esecutive che tutti avrebbero pagato, come è avvenuto ad eccezione di circa 25 famiglie.
Poichè il sindaco continuava a dire che vi era "un buco" ho interpellato il ragioniere capo il quale mi ha risposto:

" Credo che il termine "buchi" venga, spesso, utilizzato come morosità pregresse da riscuotere.

L'esercizio 2016 si chiude con un risultato finanziario di amministrazione pari ad € 2.972.982,22 di cui:

• Parte accantonata (Fcde): €. 2.586.875,40
• Parte vincolata: €. 0,00
• Parte destinata agli investimenti: € 316.543,01
•Parte disponibile: €. 69.563,8".

Orbene a bilancio vi erano morosi e solo morosi, come ogni comune in toscana, non vi erano buchi ed ad aprile 2017 la nuova Amministrazione di centro - destra ha ricevuto un tesoretto di euro 2.972.982,22 come avanzo di amministrazione.

Questi sono i fatti e ho i documenti per chi li vuole vedere basta che me li chieda. Le altre parole sono solo ipocrisia e propaganda.

Pertanto per questa situazione siamo andati a rifiutare il pranzo a 25 bambini mentre tutti gli altri, per dicharazione della stessa sindaca, hanno pagato.
Ipocrisia allo stato puro e applicazione infame di procedure amministrative per rifiutare il pranzo a 25 bambini perchè tutti siano educati a pagare nei termini ed in modo anticipato come succede dal 1/9/17 al comune di Montevarchi.

Ma a Noi non bastava questo e quindi siamo andati a vedere in bilancio se la "Sindaca con le palle" come la chiamano alcuni suoi tifosi da tastiera, abbia lo stesso comportamento in tutti i settori del comune.
Cosa abbiamo scoperto? Abbiamo scoperto "veri buchi" immensi altro che il pranzo per i 25 bambini che non hanno pagato che moltiplicato per euro 5.00 cadauno sommano 125 euri a pasto giornalieri!

Dal rendiconto certificato 2016 leggiamo:

Addizionale Irpef buco euro 1.554.631,96 
IMU buco euro 219.035,97
TARSU buco euro 1.018.224,17
Tares buco euro 1. 758.597,85
Altre imposte buco euro 571.061,85

ed altro per partite tributarie minori con un un totale di 5.124.415,28 leggasi "BUCO" secondo i parametri della sindaca di cinquemilionicentoventiquat-tromilaquattrocentoquindici,28 euro rendicontati per il solo anno 2016. Mi riservo altri "buchi" per prossimi post.

A disposizioni per le certificazioni che comunque basta leggere il rendiconto del comune del 2016.

Alla faccia dei poveri 25 bambini che non hanno ricevuto il pranzo e che sono stati ritirati dalla mensa scolastica dai loro genitori principalmente per la vergogna di una pubblica discriminazione. 
Si vergogna infinita io direi per le istituzioni della nostra città.
Attendo commento dai tifosi da tastiera e dai "sepolcri imbiancati" che hanno alzato la testa nelle dinamiche sociali della nostra città.
Ad Maiora!

Francesco Maria Grasso

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00