Prima Pagina | Lo Sport | Gli amaranto sfatano il tabù Comunale con una prestazione di grande intensità e a tratti molto spettacolare. Arezzo - Monza 2-0

Gli amaranto sfatano il tabù Comunale con una prestazione di grande intensità e a tratti molto spettacolare. Arezzo - Monza 2-0

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Gli amaranto sfatano il tabù Comunale con una prestazione di grande intensità e a tratti molto spettacolare. Arezzo - Monza 2-0

Foglia la sblocca dopo sei minuti, poi fioccano le azioni da rete. Lo stadio trattiene il fiato e ci vuole una papera di Stancampiano per andare sul 2-0 grazie a Di Nardo. Nel finale esordio per Benucci e per Cellini, all'alba di una settimana che si preannuncia decisiva sul fronte societario

Nell’Arezzo torna Varga in difesa. Per il resto, confermato l'undici della partita contro la Pro Piacenza. 4-3-3 per il Cuneo, con Dell’Agnello terminale offensivo. Gli amaranto hanno vinto solo una delle ultime tredici partite interne, i piemontesi quest’anno hanno perso fuori casa soltanto a Olbia.

Come accaduto anche nelle ultime settimane, l’Arezzo parte bene. E al 6’ la sblocca: palla rubata sulla trequarti, Corradi manda Cutolo in verticale, cross per Moscardelli che in area si coordina e centra la parte bassa della traversa e poi la riga. Sulla ribattuta si avventa Foglia che, di testa, l’appoggia in rete. Primo gol in stagione per il centrocampista.

Dopo il gol, Pavanel cambia e dispone i suoi con il rombo, modulo provato a lungo in settimana. La difesa passa a quattro, Foglia si alza a fare il trequartista. La partita perde ritmo, l’Arezzo controlla agevolmente e il Cuneo sembra a corto di idee. Al 37’ bella combinazione a sinistra: Sabatino l’appoggia dietro a Cutolo che calcia a colpo sicuro. Cristini s’immola e devia in corner.

Il primo tiro degli ospiti arriva al 40': Dell'Agnello mette sul fondo in mezza rovesciata. Proteste amaranto perché c'era Varga a terra, che comunque si riprende e torna dentro. Finisce il primo tempo: Arezzo giustamente avanti di un gol. 

Al rientro in campo l’obiettivo è non spegnersi come le altre volte e rimettere in discussione il risultato. Dopo novanta secondi, Luciani e Yebli da destra portano al tiro Corradi: sinistro a lato da buona posizione. Tempo due minuti e l’Arezzo dilaga sulla fascia opposta: palla morbida di Corradi per Moscardelli che schiaccia di testa. Il portiere la tiene proprio sulla linea. Al 7’ né Foglia, né Yebli, né Cutolo riescono a trovare il varco per metterla dentro. Il raddoppio è nell’aria ma al 13’ Cutolo, dopo essersi liberato di un uomo, con il destro apre troppo la conclusione.

Al 21’ l’Arezzo costruisce l’azione più bella: Yebli per Corradi, sponda di prima per l’inserimento di Foglia che batte al volo di destro. Stancampiano si supera e mette in angolo con la punta delle dita. Lo stadio si scalda e Luciani, di destro, fa tremare la traversa del Cuneo. Il punteggio, incredibile ma vero, resta sull’1-0. Clamorosa la palla gol che fallisce Moscardelli al 29': sul cross di Cutolo, il portiere buca l'uscita ma il capitano di testa mette fuori.

E' l'ultima azione di Moscardelli, sostituito da Di Nardo e applaudito da tutto lo stadio. Poi abbandona anche Corradi: al suo posto debutta Benucci. Alla fine il 2-0 cade dall'albero nel modo più inatteso: staffilata di Di Nardo da fuori area. Stancampiano fa la papera e il pallone rotola dentro: è il gol che scaccia le paure. Nel finale c'è tempo anche per l'esordio di Cellini a distanza dieci mesi dall'infortunio al ginocchio.

Finisce così. L'Arezzo torna a vincere in casa, dà una rimpinguata alla classifica e lo fa meritatamente, con una prestazione intensa e a tratti spettacolare. Il modo migliore per aprire una settimana decisiva (forse) anche sul fronte societario.

 

Stadio ''Città di Arezzo'', ore 14.30.

AREZZO (3-5-2): 22 Borra; 5 Varga, 3 Rinaldi, 4 Sabatino; 16 Luciani, 6 Yebli, 18 De Feudis, 8 Foglia, 7 Corradi (34' st 21 Benucci); 9 Moscardelli (30' st 19 Di Nardo), 10 Cutolo (43' st 11 Cellini).

A disposizione: 1 Ferrari, 2 Talarico, 13 Muscat, 23 Criscuolo, 24 Gerardini, 25 Quero, 26 Franchetti.

Allenatore: Massimo Pavanel.

Indisponibili: 14 Ferrario, 17 D'Ursi, 20 Cenetti. Diffidati: Corradi, Rinaldi, Sabatino.

CUNEO (4-3-3): 1 Stancampiano; 23 Quitadamo, 14 Cristini,13 Boni, 29 D'Ignazio; 4 Rosso, 21 Pellini, 11 Gerbaudo (32' st 26 D'Agostino); 9 Zamparo (15' st 7 Mobilio), 24 Dell'Agnello, 10 Aperi (15' st 16 Martino).

A disposizione: 12 Bambino, 2 Baschirotto, 18 Genovese, 19 Anastasia, 20 Secondo, 25 Provenzano, 27 Testoni, 28 Maresca.

Allenatore: Massimo Gardano.

ARBITRO: Federico Longo di Paola (Cosimo Cataldo di Bergamo - Alessandro Maninetti di Lovere).

NOTE: spettatori presenti 1.335, incasso non comunicato. Ammoniti: pt 33' Yebli, 44' Dell'Agnello; st 35' Boni, 41' D'Ignazio. Angoli: 5-2. Recupero tempi: 4' e 4'

RETI: pt 6' Foglia; st 38' Di Nardo

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0