Prima Pagina | Economia e lavoro | Sottoscritta la nuova convenzione tra Camera di Commercio e Comune di Arezzo per la promozione della Fiera Antiquaria.

Sottoscritta la nuova convenzione tra Camera di Commercio e Comune di Arezzo per la promozione della Fiera Antiquaria.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Sottoscritta la nuova convenzione tra Camera di Commercio e Comune di Arezzo per la promozione della Fiera Antiquaria.

 

Presentata questa mattina in Camera di Commercio, alla presenza del Presidente Andrea Sereni, dell'Assessore alle attività produttive del Comune di Arezzo Marcello Comanducci, del Dirigente comunale Alessandro Boncompagni e del Segretario Generale della Camera di Commercio Dott. Giuseppe Salvini la nuova convenzione per la concertazione e la realizzazione di azioni a sostegno e valorizzazione della “Fiera Antiquaria di Arezzo”.

Tra Camera di Commercio e Comune di Arezzo  prosegue la collaborazione ormai pluridecennale  per supportare la più importante manifestazione antiquaria italiana. Un rapporto che, peraltro, è stato reso ancora più stringente dalla normativa  regionale e nazionale  sopravvenuta, che, da una lato  in materia di promozione ed accoglienza turistica ha attribuito competenze più specifiche al Comune di Arezzo e , dall'altro, con la riforma del sistema camerale  ha  attribuito alla  Camerea di Commercio funzioni relative alla valorizzazione del patrimonio culturale, nonché allo sviluppo e promozione del turismo in collaborazione con gli enti ed organismi  del territorio. 

La nuova convenzione è finalizzata sopratutto all'attivazione di  interventi di carattere promozionale, mirati ad ampliare e qualificare la promozione e la pubblicità in favore della Fiera Antiquaria,  in particolare  potenziando la campagna promozionale sui socia network nazionali e proseguendo  con la forte connotazione verso il digitale degli interventi, al fine di intercettare le diverse fasce di potenziali fruitori della manifestazione nonché intensificando la campagna  di promozione attraverso radio e  stampa specializzata in materia antiquaria e turistica.

Inoltre in occasione del cinquantesimo anniversario della nascita della Fiera Antiquaria di Arezzo (2 giugno 1968 – 2 giugno 2018) saranno progettati eventi di particolare rilievo per celebrare al meglio un appuntamento unico nel suo genere, capace di coniugare felicemente il fascino specialistico delle opere di antiquariato con il clima di “trouvaille” e che riesce a richiamare espositori ed appassionati di modernariato, vintage, collezionismo ed arte.

“Intendo ringraziare  - sottolinea l'Assessore  Marcello Comanducci - la Camera di Commercio in quanto è l’unico ente che, insieme al Comune, investe nella Fiera Antiquaria. Proprio grazie alle risorse della Camera di Commercio abbiamo la possibilità di svolgere azioni di marketing fondamentali per sostenere e non perdere una delle eccellenze e un simbolo della nostra città.”

“Camera di Commercio e Comune di Arezzo – evidenzia il Presidente della Camera di Commercio Andrea Sereni - hanno, fin dalle prime edizioni , collaborato intensamente per supportare la più importante manifestazione antiquaria italiana. Infatti dopo lo spostamento nel 1966 da Piazza Grande a Pescaiola del “mercato del sabato”,  negli incontri che si susseguirono per riqualificare , anche dal punto di vista economico, Piazza Grande e che portarono all'organizzazione della prima edizione della Fiera, oltre al Sindaco Renato Gnocchi, all'Architetto Pier Ludovico Rupi e ad Ivan Bruschi fu presente anche il Segretario Generale della Camera  Gino Catalani su delega del Presidente Antonio Niccolai. Dall'impegno di quei nostri concittadini è nato un evento che ancora oggi costituisce un fiore all'occhiello dell'offerta culturale e turistica del nostro territorio”

“Con la convenzione siglata oggi – afferma il Dott. Giuseppe Salvini -  prosegue l'importante rapporto di collaborazione con il Comune di Arezzo a sostegno  di un evento che è considerato un’eccellenza, in Toscana e in Italia, senza uguali. Una manifestazione   che, con i suoi quasi 200.000 visitatori annui,  rappresenta un potente motore per l'economia della città, sia per le attività più direttamente connesse alla Fiera che per quelle dell'indotto. Ad esempio fra le prime possiamo identificare,  oltre 110 imprese di vari settori: commercio al dettaglio di mobili usati e oggetti di antiquariato, attività di conservazione e restauro di opere d'arte,  riparazione di mobili e di oggetti di arredamento,  laboratori di tappezzeria e di corniciai ed altre attività connesse. Per quanto concerne l'indotto, tra le attività più coinvolte abbiamo certamente le strutture ricettive. Nel comune di Arezzo sono presenti 210 strutture ricettive per un totale di 1.925 camere e 4.105 posti letto che beneficiano  ogni mese dei visitatori italiani e stranieri che soggiornano ad Arezzo  per visitare la Fiera Antiquaria”

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0