Prima Pagina | Lo Sport | Monza - Arezzo (0-3)

Monza - Arezzo (0-3)

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Monza - Arezzo (0-3)

Cuore, orgoglio e un pizzico di fortuna. L'Arezzo gioca una partita di grande carattere, soffre a sprazzi e si salva con l'aiuto della buona sorte in avvio di gara, quando D'Errico colpisce un doppio palo clamoroso. La squadra però è sempre in partita e a metà ripresa passa con il terzino. Poco dopo Borra respinge un rigore di Palazzo e nel finale il numero 10, al rientro dopo un mese, chiude il match

Pavanel a Monza conferma il 3-5-2 e reinserisce Sabatino nel terzetto di difesa, con Corradi quinto a sinistra. In attacco confermato Di Nardo insieme a Moscardelli. 4-4-2 per il Monza, che perde Coridurante il riscaldamento: l’ex amaranto viene rimpiazzato in extremis da Barzotti.

Dopo un minuto Varga sfiora l’incrocio sugli sviluppi di un corner. Ma è il Monza ad andare vicino al gol al 3’: D’Errico sfonda in mezzo al campo e dai venticinque metri lascia partire una staffilata che s’infrange prima sul palo di sinistra e poi su quello di destra, prima che Borra si ritrovi la palla tra le braccia. L’Arezzo comunque c’è: al 5’ Moscardelli calcia bene una punizione che sfila sul fondo non di molto. Sul ribaltamento di fronte Borra vola a respingere un tiro potente di Guidetti dal limite. La partita è vivace, Moscardelli per due volte cerca il destro al volo ma il colpo gli resta in canna.

Scollinati i primi venti minuti, i ritmi calano. Il Monza conferma di essere squadra organizzata e propositiva, l’Arezzo si difende senza rischiare granché. Il più incisivo è D’Errico, che parte largo a sinistra e poi si accentra, creando scompiglio. Suo un diagonale di poco fuori al minuto 37. La palla buona l’avrebbe Cenetti al 41’, ma sulla sponda di Moscardelli, il centrocampista calcia a lato di mezzo metro. Il tempo si chiude con un ficcante contropiede Foglia-Corradi-Foglia: il sinistro del mediano però è centrale e Liverani para.

 

La ripresa comincia con gli stessi ventidue in campo. Al 5’ Moscardelli, in uscita dal lato corto dell’area, viene tamponato da D’Errico. Per l’arbitro è tutto regolare, mentre il capitano si rialza dolorante un paio di minuti dopo. Gli amaranto rischiano al 60’, quando Negro incorna una palla proveniente dal corner e Borra la fa sua dopo una carambola insidiosa. Le squadre si affrontano senza troppi tatticismi e dall’altra parte, dopo un angolo conquistato da Di Nardo, Cenetti si ritrova a tu per tu con Liverani, anche se in posizione defilata: il suo diagonale è però impreciso. Peccato.

Arrivano i cambi. Nel Monza entra Palazzo per Barzotti, Pavanel dà spazio a Cutolo per Di Nardo e Muscat per Rinaldi, acciaccato. Neanche il tempo di dare uno sguardo ai nuovi entrati e l’Arezzo passa: Moscardelli premia l’inserimento di Luciani, che di testa scavalca Liverani ma colpisce il palo. La palla resta lì e torna a Luciani che, con il portiere a terra, stoppa e la sbatte dentro d’esterno.

Zaffaroni è costretto a rischiare. Dentro anche Cogliati, mentre Yebli rimpiazza Foglia infortunato. Proprio i due subentrati sono protagonisti dell’episodio chiave al 33’: l’attaccante biancorosso entra in area da sinistra e il francese allunga la gamba, mettendolo giù. De Santis assegna il rigore senza indugiare. Sul dischetto si presenta Palazzo che apre il piatto destro e Borra ci arriva. Poi sulla respinta Guidetti mette incredibilmente sopra la traversa.

Cutolo la chiude nel finale, dapprima orchestrando una ripartenza magistrale con Corradi: doppio scambio a metà campo, poi palla filtrante per il numero 10 che, al rientro dopo un mese d'assenza, si presenta davanti a Liverani e lo fredda con un sinistro micidiale dal basso verso l'alto. Poi, a recupero iniziato, il mancino se ne va a campo aperto su assist di De Feudis e scavalca Liverani con un tocco sotto di pregevole fattura. Gli amaranto vincono largo e si prendono tre punti vitali per il presente e soprattutto per il futuro.

 

Monza. Stadio ''Brianteo'', ore 16.30.

MONZA (4-4-2): 1 Liverani; 2 Carissoni, 13 Negro, 5 Riva, 24 Tentardini; 10 D'Errico (30' st 17 Cogliati), 8 Guidetti, 4 Galli (30' st 6 Palesi), 27 Giudici (47' st 7 Gasparri); 30 Barzotti (20' st 11 Palazzo), 20 Ponsat.

A disposizione: 22 Del Frate, 3 Origlio, 16 Trainotti, 19 Caverzasi, 23 Romanò.

Allenatore: Marco Zaffaroni.

AREZZO (3-5-2): 22 Borra; 5 Varga, 3 Rinaldi (24' st 13 Muscat), 4 Sabatino; 16 Luciani, 20 Cenetti, 18 De Feudis, 8 Foglia (32' st 6 Yebli), 7 Corradi; 9 Moscardelli, 19 Di Nardo (24' st 10 Cutolo).

A disposizione: 1 Ferrari, 2 Talarico, 11 Cellini, 14 Ferrario, 17 D'Ursi, 21 Benucci, 26 Franchetti, 27 Disanto.

Allenatore: Massimo Pavanel.

Indisponibili: 24 Gerardini.

ARBITRO: Daniele De Santis di Lecce (Gianluca D'Elia di Ozieri - Luca Testi di Livorno).

NOTE: spettatori presenti 700 circa. Ammoniti: st 3' Rinaldi, 37' Sabatino. Angoli: 5-2. Recupero tempi: 0' e 5'

RETI: st 25' Luciani, 42' e 46' Cutolo

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00