Prima Pagina | Economia e lavoro | SICUREZZA A SAIONE: 44 SEGNALAZIONI DEI COMEMRCIANTI VIA WHATSAPP

SICUREZZA A SAIONE: 44 SEGNALAZIONI DEI COMEMRCIANTI VIA WHATSAPP

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
SICUREZZA A SAIONE: 44 SEGNALAZIONI DEI COMEMRCIANTI VIA WHATSAPP

Ieri Confesercenti ha fatto il bilancio insieme alla PM sui primi due mesi di attività della chat


Confesercenti ieri ha incontrato il comandante della Polizia Municipale Cino Augusto Cecchini e il vice Aldo Poponcini per fare un primo bilancio intorno al tema dell’utilizzo del Gruppo di WhatsApp “Commercianti-Sicurezza Saione” a due mesi dalla costituzione della chat. Il direttore dell’associazione di categoria di via Fiorentina, Mario Checcaglini, il vicedirettore Valeria Alvisi, il presidente dell’area aretina Massimo Boncompagni e una delegazione di commercianti di Saione hanno esaminato i dati. “È un bilancio – puntualizza il direttore Mario Checcaglini – che conferma l’utilità del sistema ideato per accorciare la distanza tra le vetrine e le Forze dell’Ordine. In due mesi sono state ben 44 le segnalazioni arrivate sul telefono cellulare del Comandante Cecchini. Segnalazioni che sono risultate utili al lavoro delle Forze dell’Ordine ed in alcuni casi anche preziose per le attività di indagine”. Il gruppo è stato costituito il 2 agosto all’indomani di episodi che avevano fatto innalzare la percezione di insicurezza tra chi lavora nel quartiere. “Dal 2 agosto al 2 ottobre – spiega il vicedirettore Valeria Alvisi – rileggendo la chat possiamo affermare che l’attività di segnalazione è stata decisamente intensa. Mediamente sono più di una segnalazione ogni due giorni, anche se nei giorni successivi agli episodi di cronaca, ci sono state segnalazioni più frequenti”. Tra le vetrine è stato un tam tam di segnalazioni e lo strumento è quindi stato giudicato utile. “Il Comandante Cecchini – aggiunge Checcaglini – ha sottolineato come in alcune circostanze le segnalazioni tempestive hanno consentito di accelerare le indagini, soprattutto la notte della brutta storia di via Piave quando furono arrestate sei persone dopo che in strada si era scatenata la guerriglia. Attraverso la chat sono corse immagini in parte cruente, ma che sono servite per esempio a rintracciare i responsabili e anche individuare i luoghi in cui furono nascosti ed abbandonati mazze a bastoni”. “Per il futuro – annuncia Checcaglini – continueremo quindi la strada intrapresa di collaborazione al fine di prevenire spiacevoli episodi. Resta sempre ben inteso che in caso di emergenza e situazioni per le quali c’è bisogno di un rapido intervento, le segnalazioni devono essere indirizzate alle centrali operative di Polizia e Carabinieri attraverso i numeri di soccorso. 
I commercianti e la Polizia Municipale hanno condiviso che un sistema di segnalazione come quello messo in piedi da Confesercenti avvicina operatori, in questo caso i commercianti alle Forze dell'ordine: tutti si sentono impegnati nella lotta alla criminalità. Tutti vogliono una città migliore e non accettano un declino della sicurezza. Confesercenti e gli operatori hanno ringraziato il comandante testimoniando un cambio di passo intrapreso dalla Polizia Municipale impegnata non solo per problemi di viabilità ma decisamente attiva nel contrasto alla microcriminalità. Alla richiesta di rafforzare anche il numero di vigili è stato annunciato che il Comune ha avviato una selezione affinché la Polizia Municipale possa contare su ben 4 unità fin da gennaio e nel tempo proseguire assunzioni i modo da rinfoltire l’organico”. 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0