Prima Pagina | Cronaca | San Giovanni Valdarno. Simula rapina per appropriarsi dell’incasso. Denunciato in stato di libertà

San Giovanni Valdarno. Simula rapina per appropriarsi dell’incasso. Denunciato in stato di libertà

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
San Giovanni Valdarno. Simula rapina per appropriarsi dell’incasso. Denunciato in stato di libertà

 

A maggio di quest’anno m.m. cl. 1979, residente in provincia di Pistoia, impiegato presso noto gruppo internazionale leader nel settore delle “slot machine” aveva denunciato ai carabinieri di Bucine di essere stato affiancato da Audi a4/a6 sw, colore nero, vetri posteriori oscurati, con quattro persone, di cui una armata di pistola, che lo avevano rapinato dei circa 20.000 euro in monete, che il dipendente aveva ritirato, quale incasso, da varie sale slot e bar tra Siena e Bucine.

In realtà i carabinieri di san Giovanni Valdarno, a conclusione delle indagini svolte sulla presunta rapina, accertavano che la stessa non si era mai verificata e che il presunto rapinato, nei due mesi precedenti, si era impossessato di 24mila euro, sottraendo piccole cifre durante il percorso tecnico di raccolta nelle slot machine installate nei locali pubblici delle province di Arezzo e Siena, per conto della società per cui lavorava , nella quale era stato assunto il 15 luglio 2016.

Ora dovrà rispondere al ‘autorità’ giudiziaria dei reati di “furto e simulazione di reato”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0