Prima Pagina | Politica società diritti | I murales di Icastica sono un patrimonio da tutelare e valorizzare

I murales di Icastica sono un patrimonio da tutelare e valorizzare

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
I murales di Icastica sono un patrimonio da tutelare e valorizzare

I Popolari per Arezzo dichiarano incredulità e perplessità rispetto alla possibilità di abbattere l'opera. Dopo molti anni di degrado, piazza del Popolo è stata rivalorizzata proprio dai murales di grandi artisti

 

 

AREZZO – I murales di piazza del Popolo sono un patrimonio da tutelare e da valorizzare. La presa di posizione arriva dai Popolari per Arezzo che dichiarano incredulità e perplessità rispetto alla possibilità di abbattere il muro del parcheggio lungo via Garibaldi per unirlo alla Cadorna. Dopo molti anni di degrado, questo muro è stato rivalorizzato in occasione di Icastica 2015 attraverso la realizzazione di murales firmati da artisti quali Eron, Brad Downey, Sten e Lex che, dopo aver operato in tante città italiane e straniere, hanno contribuito ad arricchire anche Arezzo. Queste opere rappresentano dunque una risorsa e un esempio di riqualificazione urbana che l'amministrazione dovrebbe impegnarsi a promuovere. «In questo periodo storico in cui tutti purtroppo alzano muri - commenta Massimo Soletti dei Popolari per Arezzo, - ad Arezzo si vorrebbe abbattere quei pochi che hanno un valore positivo. La street art, democratizzazione dell'arte contemporanea, divide e sicuramente non può piacere universalmente, ma è indiscutibile che le opere presenti in città abbiano dotato aree anonime e in degrado di un profondo senso estetico: ad appena due anni dalla loro realizzazione ci sembra inconcepibile rinunciare ad installazioni di grandi artisti internazionali».

Tralasciando i meriti urbanistici legati alla riqualificazione dell'area della Cadorna, i Popolari per Arezzo trovano che tale ipotesi contraddica la volontà espressa dal consiglio comunale che, sei mesi fa, ha approvato all'unanimità un atto di indirizzo a firma di due consiglieri di maggioranza che impegnava la giunta a riqualificare aree della città con murales "legalizzati". «Il sindaco - aggiunge Andrea Gallorini, presidente dei Popolari per Arezzo, - ha anche la delega alla cultura, dunque dovrebbe avere a cuore queste forme d'arte. La possibilità di abbattere il muro di piazza del Popolo non solo trascura il passaggio istituzionale posto in essere dalla maggioranza, ma minaccia un'installazione già esistente, apprezzata e ormai integrata con il paesaggio urbano».

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0