Prima Pagina | Politica società diritti | Approvata alla Camera la legge contro le truffe ai soggetti vulnerabili. Donati: «Ora il Senato approvi rapidamente»

Approvata alla Camera la legge contro le truffe ai soggetti vulnerabili. Donati: «Ora il Senato approvi rapidamente»

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Approvata alla Camera la legge contro le truffe ai soggetti vulnerabili. Donati: «Ora il Senato approvi rapidamente»

 

«Ieri la Camera ha approvato le modifiche al codice penale sulla frode patrimoniale a danno dei soggetti vulnerabili» spiega l'Onorevole Marco Donati. «La proposta di legge della quale mi sono fatto promotore assieme al primo firmatario David Ermini – commenta Donati – inasprisce e innalza le pene per chi commette truffe a danno di persone anziane».Con l'introduzione dell'articolo 643-bis si punisce con la reclusione da 2 a 6 anni chi, con mezzi fraudolenti, induce persone vulnerabili a causa dell'età avanzata a dare o promettere denaro, beni o altra utilità. La nuova fattispecie penale scatta quando l'azione criminosa avviene nell'abitazione della persona offesa o all'interno o in prossimità di esercizi commerciali, uffici postali o di sedi di istituti di credito, di case di riposo e luoghi di cura. «Purtroppo negli ultimi anni – spiega Donati – abbiamo assistito a un aumento di questo triste fenomeno che colpisce non solo materialmente, ma anche psicologicamente le persone più deboli». L'articolo prevede inoltre un'aggravante se il fatto avviene per mezzo di strumenti telefonici, informatici, telematici o utilizzando dati privati acquisiti senza consenso o fraudolentemente. «Con questa provvedimento – aggiunge Donati – vogliamo fornire maggiori strumenti alle forze dell'ordine, già da tempo fortemente impegnate sia con la presenza sul territorio sia con campagne informative rivolte ai cittadini. Un aspetto decisivo e fondamentale è l'introduzione di misure che agiscano come deterrente, quali: l'arresto in flagranza, la restituzione e il risarcimento del danno, l'innalzamento delle pene». Nel provvedimento è stata inoltre introdotta la limitazione alla sospensione condizionale della pena: il beneficio sarà subordinato al risarcimento. Il testo passerà ora al Senato per l'approvazione definitiva. «Con l'introduzione nel codice penale del nuovo reato di Frode patrimoniale in danno di soggetti vulnerabili – conclude Donati – abbiamo l'intenzione di arginare un triste fenomeno di cui quotidianamente sentiamo parlare e che negli ultimi anni è diventato una piaga sociale che colpisce una delle fasce più deboli della popolazione».

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0