Prima Pagina | Cronaca | Anche un valdarnese in corsa nei 5Stelle insieme a Di Maio, per la carica di Presidente del Consiglio dei Ministri

Anche un valdarnese in corsa nei 5Stelle insieme a Di Maio, per la carica di Presidente del Consiglio dei Ministri

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Anche un valdarnese in corsa nei 5Stelle insieme a Di Maio, per la carica di Presidente del Consiglio dei Ministri

E’ ufficiale ormai l’elenco dei 7 concorrenti che parteciperanno alla corsa per il premierato, alle prossime elezioni politiche. Tra questi c’è Andrea Davide Frallicciardi, di Figline Valdarno, eletto consigliere comunale del M5S dal 2011 al 2013, dove ha svolto il mandato fino a fine della legislatura, quando c'è stata la fusione con il Comune di Incisa Valdarno.

 

Perito Elettronico ha effettuato un corso di speciallizzazione in reti lan, man,  ma tiene a specificare che capacità e competenze personali sono state acquisite nel corso della vita e della carriera, ma non necessariamente riconosciute da certificati e diplomi ufficiali.

Così descrive la sua esperienza in consiglio comunale: “Ho lavorato al fianco dei cittadini pur essendo padre di famiglia e lavoratore dipendente a tempo pieno. Siamo riusciti insieme agli attivisti che si sono adoperati con me nel corso degli anni, ad ottenere importanti risultati quali per esempio l'introduzione della diretta Streaming nel comune di Figline Valdarno, la cura del verde e dei giardini pubblici, lo stop alla realizzazione della discarica di Le borra, l'approvazione del protocollo RIFIUTI ZERO, il controllo sulle analisi chimiche dei fontanelli d'acqua potabile, abbiamo vigilato e ci siamo battuti anche attraverso manifestazioni pubbliche per la salvaguardia dell' Ospedale Serristori di Figline Valdarno e, soprattutto,abbiamo permesso l'allacciamento alle condutture d'acqua potabile delle famiglie residenti nella frazione del Porcellino Est, persone che non hanno mai avuto acqua potabile nei rubinetti e che non erano mai stati aiutati da alcuna forza politica fino al nostro arrivo.

Ho pubblicato costantemente il mio 730 anche se non ero obbligato a farlo, ma ne sentivo il dovere a dimostrazione del fatto di non aver mai ottenuto alcun beneficio dall'incarico che stavo svolgendo”.

Così spiega i motivi della sua candidatura per concorrere alla carica di Presidente del Consiglio dei Ministri: “Sono stato il secondo eletto nelle file 5 stelle in Toscana nel 2011. Ho creduto e credo fortemente negli ideali che Beppe Grillo ci ha dato modo di esprimere fin dalla prima ora e da quelli, non mi sono spostato di una virgola. 

Oggi ho deciso di candidarmi per il Movimento 5 Stelle alla carica di Candidato Premier per un motivo fondamentale: riportare in prima fila i cittadini, con i loro bisogni ma anche con i loro diritti, spesso calpestati e renderli protagonisti del loro futuro.

L’esperienza maturata col mio primo mandato come Consigliere 5Stelle del Comune di Figline Valdarno, che si è concluso lo scorso 31 dicembre 2013, mi ha reso consapevole che l’esigenza prioritaria per un portavoce eletto nelle Istituzioni, a tutti i livelli, è quella riportare in prima fila i cittadini, con i loro bisogni ma anche con i loro diritti, spesso calpestati; è necessario sviluppare e rendere partecipato un nuovo modo di fare politica, i rappresentanti eletti devono interiorizzare un concetto elementare ma fondamentale ovvero sentirsi cittadini al servizio dei cittadini.

Per me e ritengo per tutti i portavoce eletti nel Movimento 5Stelle, a tutti i livelli, locali, nazionali o europei, fare politica significa restituirle una missione etica e sociale, senza principi etici non si va da nessuna parte e senza un’attenzione al sociale in senso si dimentica chi siamo e dove vogliamo andare.

Per questo reputo essenziale che i portavoce siano valutati nel tempo per l’impegno, la costanza, la correttezza e la trasparenza nel loro lavoro e, soprattutto, il rispetto del mandato ricevuto dagli elettori.

Sarà una sfida difficile, ma ho il dovere, come cittadino attivo, di far sentire il fiato sul collo anche in aule diverse da quelle di un Consiglio Comunale, con la consapevolezza dei miei principi e la volontà di dedicare il mio tempo ad una missione, prima di ritornare al mio lavoro quotidiano perchè come ha scritto un nostro portavoce “Siamo umani, cittadini prestati alla politica”  ed, io, aggiungo a termine. E ricordiamoci che un giorno il cielo sarà …. A 5Stelle!”

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0