Prima Pagina | Politica società diritti | Casapound attacca da destra su sicurezza e immigrazione: "Pd e Ghinelli stanno uccidendo Arezzo"

Casapound attacca da destra su sicurezza e immigrazione: "Pd e Ghinelli stanno uccidendo Arezzo"

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Casapound attacca da destra su sicurezza e immigrazione: "Pd e Ghinelli stanno uccidendo Arezzo"

 

 

 

 

 
Arezzo, 24 ago - "Quello tra PD e Sindaco Ghinelli sembra un battibecco da 'Uomini e Donne' - afferma Francesco Campa, responsabile provinciale di CasaPound Italia - l'obiettivo dovrebbe essere quello di abbattere il clima di insicurezza e di paura che affligge i cittadini, di Saione e non. E invece alla fine sono entrambi colpevoli della situazione attuale".

L'ultimo comunicato del Pd parla di integrazione non riuscita a Saione, di un Comune disinformato sui precedenti dei delinquenti e della mancanza di azioni per contrastare delinquenza e degrado.
“Hanno tracciato così un quadro preciso, che descrive sia la realtà dei fatti sia il loro fallimento - dichiara Campa – perché conferma il pessimo risultato dei loro progetti sull'integrazione. Hanno poi accusato il Questore nominato dalla Boschi di nascondere i precedenti degli stranieri al Sindaco e hanno voltato le spalle al Prefetto, che straparla di 'percezione', altra nomina del governo sostenuto dal Pd”.

“L'opposizione di sinistra non può alzare la voce sul tema 'sicurezza' per non rischiare di ledere i benefici derivati dal business dell'immigrazione – prosegue il coordinatore di CasaPound - ma un Sindaco di centrodestra dovrebbe dichiarare guerra alla delinquenza, fregandosene del 'prefetto politico' e di un governo anti-italiano”
“L'ordinanza anti alcol è invece una stangata per i commercianti già vessati da assurde tasse – dice Campa - e c'entra ben poco con ciò che accade a Saione. Un Comune maturo avrebbe scisso le due cose, proponendo da una parte l'aumento dei controlli sulla somministrazione di alcolici ai minori di 18 anni e, dall'altra, un vero progetto contro la delinquenza dei soliti noti”.

"Facciamo appello al buon senso o, in sua assenza, alla paura di una gogna mediatica - conclude Campa - e chiediamo al PD di assumersi la responsabilità della politica della porte aperte e al Sindaco Ghinelli di rispettare il programma politico grazie al quale è stato eletto primo cittadino".
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0